Mozzo/Borghetto: la segnalazione mail “via Monte dei Gobbi incrocio pericoloso”


20130629-230407.jpg

Riceviamo segnalazione mail che qui pubblichiamo:

“buonasera, da qualche settimana nella via monte dei gobbi proprio in curva dove c’è il senso unico, lo specchietto posto in alto a sinistra è rotto anche se non completamente quindi non si ha una buona visione delle persone che possono essere a lato della strada e di macchine che magari stanno per uscire dalla propria abitazione non vedendo perché c’è la curva è un po’ pericoloso.”

Vuoi segnalare qualcosa? Scrivi qui un sms o mail oppure compila il form qui sotto:

Continua a leggere

Mozzo/Centro: la segnalazione mail “la segnaletica e’ sbiadita…”


20130629-225712.jpg

Riceviamo segnalazione mail che qui pubblichiamo:

“Sotto il cavalcavia che collega il paese di mozzo alla zona cimitero – pascoletto c’è un cartello in alto a destra che indica la direzione dalmine- ponte san pietro ma essendo posto in alto ed essendo piccolo non si vede, ora poi le scritte sono sbiadite! Più persone non della zona infatti mi hanno chiesto indicazioni perché non hanno notato il cartello. Grazie”

Vuoi segnalare qualcosa? Scrivi qui un sms o mail oppure compila il form qui sotto:

Continua a leggere

Mozzo/Metro: Con L’Eco Lab sotto l’ombrellone per ripensare la città del domani – L’Eco di Bergamo


Con L’Eco Lab sotto l’ombrellone per ripensare la città del domani – Cronaca – L’Eco di Bergamo – Notizie di Bergamo e provincia.

E ancora, un’ulteriore estensione del servizio di bici a noleggio, l’utilizzo metropolitano della linea ferroviaria Ponte San Pietro-Bergamo-Seriate fino ad Albano Sant’Alessandro. Ma anche adeguati servizi di infomobilità, ovvero pannelli per indirizzare gli automobilisti laddove vi sia parcheggio e un polo logistico per lo scambio merci onde evitare un eccessivo afflusso di mezzi pesanti in centro. E come dimenticarsi di Città Alta? Ecco, la soluzione proposta dai lettori è all’insegna del pragmatismo de L’Eco Lab: niente opere faraoniche, ma un potenziamento degli autobus.

Mozzo: Il radon è un killer nascosto: 53 vittime per tumore ogni anno – L’Eco di Bergamo


Schermata 2013-06-29 alle 12.25.20Proviene dal sottosuolo, in particolare dalle rocce. Si chiama radon ed è un gas radioattivo largamente diffuso nella Bergamasca, la seconda causa di tumori al polmone dopo il fumo di sigarette. La sua presenza in terra orobica è stata mappata da Asl Bergamo attraverso due campagne di monitoraggio realizzate con Arpa ed è contrastata con azioni rivolte soprattutto ai Comuni maggiormente colpiti

«Il radon è un gas radioattivo naturale che proviene dal sottosuolo – spiega Piero Imbrogno, responsabile Area salute e ambiente Asl Bergamo –. Una volta raggiunta la superficie, all’aperto si disperde, mentre penetrando all’interno di edifici può concentrarsi nei suoi locali, soprattutto se mal ventilati. L’effetto sanitario di maggior rilevanza, legato ai livelli di concentrazione di radon a cui sono esposte le persone, è un aumento di rischio di sviluppo del cancro polmonare».

viaIl radon è un killer nascosto: 53 vittime per tumore ogni anno – Cronaca – L’Eco di Bergamo – Notizie di Bergamo e provincia.

2012: Mozzo/Radon – Cronaca – L’Eco di Bergamo – Notizie di Bergamo e provincia | Mozzo News.