Mozzo/Borghetto: la segnalazione mail “via Monte dei Gobbi incrocio pericoloso”


20130629-230407.jpg

Riceviamo segnalazione mail che qui pubblichiamo:

“buonasera, da qualche settimana nella via monte dei gobbi proprio in curva dove c’è il senso unico, lo specchietto posto in alto a sinistra è rotto anche se non completamente quindi non si ha una buona visione delle persone che possono essere a lato della strada e di macchine che magari stanno per uscire dalla propria abitazione non vedendo perché c’è la curva è un po’ pericoloso.”

Vuoi segnalare qualcosa? Scrivi qui un sms o mail oppure compila il form qui sotto:

Continua a leggere

Mozzo/Centro: la segnalazione mail “la segnaletica e’ sbiadita…”


20130629-225712.jpg

Riceviamo segnalazione mail che qui pubblichiamo:

“Sotto il cavalcavia che collega il paese di mozzo alla zona cimitero – pascoletto c’è un cartello in alto a destra che indica la direzione dalmine- ponte san pietro ma essendo posto in alto ed essendo piccolo non si vede, ora poi le scritte sono sbiadite! Più persone non della zona infatti mi hanno chiesto indicazioni perché non hanno notato il cartello. Grazie”

Vuoi segnalare qualcosa? Scrivi qui un sms o mail oppure compila il form qui sotto:

Continua a leggere

Mozzo/Metro: Con L’Eco Lab sotto l’ombrellone per ripensare la città del domani – L’Eco di Bergamo


Con L’Eco Lab sotto l’ombrellone per ripensare la città del domani – Cronaca – L’Eco di Bergamo – Notizie di Bergamo e provincia.

E ancora, un’ulteriore estensione del servizio di bici a noleggio, l’utilizzo metropolitano della linea ferroviaria Ponte San Pietro-Bergamo-Seriate fino ad Albano Sant’Alessandro. Ma anche adeguati servizi di infomobilità, ovvero pannelli per indirizzare gli automobilisti laddove vi sia parcheggio e un polo logistico per lo scambio merci onde evitare un eccessivo afflusso di mezzi pesanti in centro. E come dimenticarsi di Città Alta? Ecco, la soluzione proposta dai lettori è all’insegna del pragmatismo de L’Eco Lab: niente opere faraoniche, ma un potenziamento degli autobus.

Mozzo: Il radon è un killer nascosto: 53 vittime per tumore ogni anno – L’Eco di Bergamo


Schermata 2013-06-29 alle 12.25.20Proviene dal sottosuolo, in particolare dalle rocce. Si chiama radon ed è un gas radioattivo largamente diffuso nella Bergamasca, la seconda causa di tumori al polmone dopo il fumo di sigarette. La sua presenza in terra orobica è stata mappata da Asl Bergamo attraverso due campagne di monitoraggio realizzate con Arpa ed è contrastata con azioni rivolte soprattutto ai Comuni maggiormente colpiti

«Il radon è un gas radioattivo naturale che proviene dal sottosuolo – spiega Piero Imbrogno, responsabile Area salute e ambiente Asl Bergamo –. Una volta raggiunta la superficie, all’aperto si disperde, mentre penetrando all’interno di edifici può concentrarsi nei suoi locali, soprattutto se mal ventilati. L’effetto sanitario di maggior rilevanza, legato ai livelli di concentrazione di radon a cui sono esposte le persone, è un aumento di rischio di sviluppo del cancro polmonare».

viaIl radon è un killer nascosto: 53 vittime per tumore ogni anno – Cronaca – L’Eco di Bergamo – Notizie di Bergamo e provincia.

2012: Mozzo/Radon – Cronaca – L’Eco di Bergamo – Notizie di Bergamo e provincia | Mozzo News.

Mozzo «Io, paralizzata dopo il parto e in attesa di giustizia da 11 anni» – Corriere Bergamo


«Quando mi sono svegliata – racconta – pensavo di avere avuto un incidente. Non riuscivo a parlare, non potevo muovere la parte destra». Seguono tre mesi fissa alla Casa degli Angeli di Mozzo per la riabilitazione e poi, per due anni, tutti i giorni, le terapie. Sono quaranta chilometri da Villa d’Ogna. Dice: «Pensavano che non avrei più parlato, ma io non potevo stare senza parlare. Però mi mancano tanto le gambe, il mio mestiere in mezzo alla gente e ricamare».

Al dramma si aggiungono i problemi economici. Per seguire Valeriana e i figli, Bonalda non ce la fa col lavoro. Si trasferiscono a casa della suocera, appartamento grande tutto su un piano, chiude le due gastronomie, cede il ristorante. Ora insegna cucina all’Istituto alberghiero di Clusone. «È giusto quello che mi è successo? – scoppia Valeriana -. Se almeno fosse stato un incidente, invece è successo dopo un parto, doveva essere una cosa bella».

via«Io, paralizzata dopo il parto e in attesa di giustizia da 11 anni» – Corriere Bergamo.

Mozzo/Via Verdi: la segnalazione ” nel parco…molti giochi …sono abbandonati da tempo”


Riceviamo segnalazione che qui pubblichiamo:
“buonasera . vorrei informare sullo stato dei giochi per
bambini nel parco comunale di via Verdi in particolare la
situazione dei tiranti delle altalene che non rimangono ben fissi
nel legno .. in piu’ molti giochi sono da sistemare in quanto
abbandonati da tempo .. anche le panchine di legno non sono curate
… Spero che il comune possa intervenire a breve .
grazie”
Vuoi segnalare qualcosa?
Scrivi qui un sms o mail
oppure compila il form qui
sotto:

Continua a leggere

Mozzo, i giovani lasciano i rifiuti Il sindaco li ammonisce con i cartelli – L’Eco di Bergamo


20130625-084336.jpg

Mozzo, i giovani lasciano i rifiuti Il sindaco li ammonisce con i cartelli – Cronaca – L'Eco di Bergamo – Notizie di Bergamo e provincia.

Bottiglie di vetro, mozziconi di sigarette, cartoni di pizza e altra sporcizia lasciata così, in mezzo al colle, che si trova nella via al Castello in una delle zone d’èlite di Mozzo. Da un paio di settimane, un gruppo di ragazzi tra i 16 e i 20 anni si ritrova la sera e il guaio è rappresentato dall’abbandono di rifiuti di ogni genere per la strada senza rispetto per l’ambiente e per il Comune.

Mozzo/Via Al Castello “Basta rifiuti per strada”: la battaglia del sindaco di Mozzo per fermare il degrado letto su Bergamo News


Ho lasciato anche alcuni “messaggi” scritti per cercare di sensibilizzarli ma non credo che risolvano il problema. Penso che sia necessario uno sforzo che tutti noi come comunità, che ha tra le sue priorità quello dell’educazione verso le nuove generazioni, dobbiamo fare verso i nostri figli per esortarli ad avere comportamenti che siano di attenzione e di cura verso ciò che appartiene a tutti!

Credo che tutto questo non sia frutto di un disagio o una forma di protesta, ma semplicemente maleducazione e scarso senso civico: non liquidiamo la cosa pensando che tutto sommato sono solo ragazzi perché è proprio questo il punto dolente e se non siamo stati in grado di trasmettere loro passione, attenzione e rispetto credo che tutto ciò vada a svantaggio del futuro del nostro paese vanificando gli sforzi di tutti coloro che negli anni hanno lavorato per cercare di renderlo sempre più bello e vivibile per ciascun cittadino.

È uno sforzo che chiedo a tutti voi di compiere insieme a me per cercare non solo di risolvere il problema contingente, ma per continuare ad educare tutti insieme i nostri figli a comportamenti e atteggiamenti che siano per il bene di ciascuno e di tutti”.

via“Basta rifiuti per strada”: la battaglia del sindaco di Mozzo per fermare il degrado.

Mozzo/Sindaco: Manifesti scritti a mano dal sindaco contro chi abbandona l’immondizia per strada – Corriere Bergamo


mozzo corriere Il primo cittadino, esasperato dai numerosi rifiuti lasciati nella zona, nei giorni scorsi ha deciso di prendere in mano la situazione in prima persona. Paolo Pelliccioli ha apposto lungo la via una serie di cartelli firmati vicino ai cumuli di rifiuti, con diverse frasi per cercare di scoraggiare i maleducati che, soprattutto dopo serate passate a bivaccare nella zona, lasciano i loro avanzi sull’asfalto.

«Perché il paese deve subire l’avanzo del tuo divertimento?», si legge su uno dei manifestini. Oppure «Vale la pena di avere un paese pulito o è una battaglia persa?», o ancora «Anche questa è casa di tutti, trattala come tua».

viaManifesti scritti a mano dal sindaco contro chi abbandona l’immondizia per strada – Corriere Bergamo.

Mozzo/Sindaco: “E’ UNA BATTAGLIA PERSA? – ::: Rete Civica del Comune di Mozzo :::


20130624-094743.jpg

20130624-094749.jpg

20130624-094737.jpg

E' UNA BATTAGLIA PERSA? – ::: Rete Civica del Comune di Mozzo :::.

Lettera aperta del Sindaco ai cittadini

Cari Cittadini,

ho deciso di scrivere questa lettera aperta in quanto ciò che sta succedendo sul monte è qualcosa che mi amareggia molto: vedere che ogni mattina via al Castello è piena di bottiglie, cartoni e quant’altro significa che non siamo stati capaci di educare i nostri ragazzi ad avere a cuore il nostro paese, al senso civico verso ciò che è di tutti. Gli sforzi che stiamo compiendo anche come Amministrazione per sensibilizzare tutti a cercare di valorizzare e rispettare le bellezze naturali del nostro paese, sembrano inutili e credo che non sia sufficiente, come peraltro già fatto, mandare le forze dell’ordine a verificare: io stesso in queste sere sono andato e ho incontrato questi ragazzi chiedendo loro di avere rispetto, di non lasciare in giro rifiuti ma di usare gli appositi cestini, ma a quanto pare è del tutto inutile. Ho lasciato anche alcuni “messaggi” scritti per cercare di sensibilizzarli ma non credo che risolvano il problema.

Penso che sia necessario uno sforzo che tutti noi come comunità, che ha tra le sue priorità quello dell’educazione verso le nuove generazioni, dobbiamo fare verso i nostri figli per esortarli ad avere comportamenti che siano di attenzione e di cura verso ciò che appartiene a tutti!

Credo che tutto questo non sia frutto di un disagio o una forma di protesta, ma semplicemente maleducazione e scarso senso civico: non liquidiamo la cosa pensando che tutto sommato sono solo ragazzi perché è proprio questo il punto dolente e se non siamo stati in grado di trasmettere loro passione, attenzione e rispetto credo che tutto ciò vada a svantaggio del futuro del nostro paese vanificando gli sforzi di tutti coloro che negli anni hanno lavorato per cercare di renderlo sempre più bello e vivibile per ciascun cittadino.

È uno sforzo che chiedo a tutti voi di compiere insieme a me per cercare non solo di risolvere il problema contingente, ma per continuare ad educare tutti insieme i nostri figli a comportamenti e atteggiamenti che siano per il bene di ciascuno e di tutti.

Il Sindaco

Paolo Pelliccioli

20130624-094811.jpg

Mozzo/Via al Castello: la segnalazione sms” con la strada chiusa porcile a cielo aperto” | Mozzo News.