Immigrati, Ipm interviene su polemiche apparse sul blog PV- IPM» Blog Archive » Chiarimento…


Ci permettiamo di intervenire cercando di mettere a fuoco le circostanze in cui è stato redatto l’articolo “Mozzo, spuntano scritte razziste contro i tunisini”. Vuole essere un intervento sotto tono per il rispetto che si deve a tutta la triste storia dei migranti, delle loro peregrinazioni e delle conseguenze purtroppo anche spiacevoli che ciò comporta per gli abitanti autoctoni.

L’articolo in questione appare su “L’Eco” martedì, 26 aprile, come ben sappiamo.

Nella precedente giornata di lunedì 25 aprile, su richiesta del giornalista, rilasciamo le nostre considerazioni e valutazioni sulla vicenda a nome del gruppo “Insieme per Mozzo”.

Le riassumiamo:

1. Riferiamo che le scritte sono apparse non a caso nei luoghi più vicini alle postazioni di rifugio dei tunisini. (il giornalista ha chiesto dove fossero)

2. Vista l’emergenza, riteniamo necessaria la convocazione a breve del Consiglio Comunale affinchè si apra un dibattito con tutte le forze politiche.

3. Sosteniamo inoltre la necessità di coinvolgere le associazioni che, in paese, si dedicano da anni al disagio e di cui noi stessi facciamo parte.

4. Aggiungiamo che ci sembra opportuno sentire anche i gestori degli esercizi pubblici nei quali sembra essere più evidente il problema e la gestione dei migranti.

Come potete ben verificare, nulla di tutto questo è stato riportato dal giornalista. Solo una frase, estrapolata da una lettera inviata al direttore dal consigliere Locatelli, rappresenta per errore la minoranza. Frase per nulla significativa se avulsa dal contesto, che era di tutt’altro spirito e, comunque, facilmente strumentalizzabile.

Ci amareggia il fatto che si sia dato tanto credito ad un giornale da voi stessi definito “non equidistante”.

viaIPM» Blog Archive » Chiarimento….

Pedretti sui tunisini di Mozzo: «Pago io il viaggio in Francia» – Cronaca – L’Eco di Bergamo


Pedretti sui tunisini di Mozzo: «Pago io il viaggio in Francia» – Cronaca – L’Eco di Bergamo.

Lo scorso 29 aprile, «L’Eco di Bergamo» ha raccolto le testimonianze del gruppo di migranti tunisini che ha trovato ospitalità a Mozzo. Uomini che hanno raccontato il loro pericoloso viaggio dall’Africa, nel corso del quale hanno rischiato di morire (sono stati presi anche a frustrate), e le loro difficili condizioni di vita in patria, la loro gioia per essere arrivati in Italia e il loro sogno di trasferirsi in Francia e in Belgio per ricominciare un’esistenza nuova riabbracciando amici e parenti.