I bambini e la vendemmia


L’ appuntamento era alle 16 all’asilo Percassi. Il Sindaco e i bambini nel vigneto comunale per la raccolta dell’uva 2010. Dopo le polemiche delle scorse settimane che hanno coinvolto l’asilo Percassi circa le accuse di malagestione da parte dell’ opposizione di PV. Per il Sindaco la vicenda ora sara’ in mano agli avvocati. Quindi non finisce qui. Almeno questa festa autunnale sembra aver portato serenita’ ai bambini coinvolti, loro malgrado, nella querelle, tutta politica.

qrcode

Non stampare su carta. Porta la notizia con te, inquadra ed e’ tua.

QR-Code : manda un sms (costo solo di un sms) al +44 7797 882325 con il testo “i-nigma” riceverai un sms con un link per scaricare il software gratuito per il tuo telefono (Nokia, Iphone, Palmare…)

Divieti: ma chi li fa rispettare?


Riceviamo una lamentela che giriamo agli enti competenti.

” al Pascoletto ci sono dei cartelli (che allego nella foto) che regolamentano l’ accesso al nostro territorio in alcune fasce orarie. Basta fermarsi sul ciglio della strada in quegli orari per vedere centinaia di auto provenienti dai ponti di Ponte e che vengono verso il centro del paese. Di solito i cittadini escono dal paese mentre questi entrano. Ne deduco che non sono residenti. Abbiamo decine di telecamere sul territorio, possibile che non si possa risalire alle targhe ed erogare una sanzione o un avviso?…”

Qr-code
qrcode

Oltre 300 milioni per l’ospedale di Bergamo Ma il gioiello di Formigoni è già sott’acqua | Il Fatto Quotidiano


Oltre 300 milioni per l’ospedale di Bergamo Ma il gioiello di Formigoni è già sott’acqua | Il Fatto Quotidiano.

. A Mozzo, a un chilometro e mezzo in linea d’aria, c’è una fabbrica chimica inserita nella lista delle aziende a rischio di incidente rilevante. “L’ho fatto presente anche in Regione: l’ospedale è a un tiro di schioppo” osserva Giulio Peroni, sindaco del paese, che non risparmia nemmeno gli ambientalisti: “Vogliono il verde ma non si preoccupano per eventuali nubi tossiche…

Poste Italiane: ancora voci, via dal Centro del paese.


La riorganizzazione delle Poste di Bergamo dovrebbe portare benefici nella distribuzione della corrispondenza sul nostro territorio. Tutti i servizi di smistamento sono centralizzati a Bergamo, i postini partono da Bergamo. Gia’ nel passato correvano voci di trasferimento degli uffici postali da piazza Costituzione al Pascoletto nella zona delle villette nuove vicino alla seconda rotonda verso Via Mozzi. La zona si sta sviluppando nel piccolo quartiere e diversi locali nella palazzina centrale sono ancora vuoti. Qui dovrebbe andare la nuova sede delle poste di Mozzo. Circa 10 anni fa c’era gia’ stata una querelle nel paese quando le poste di Mozzo dovendo uscire dagli uffici di Piazza Trieste sarebbero migrati verso l’ufficio postale di Curno. Visto l’immobilismo della amministrazione ” non possiamo farci niente” alcuni cittadini si impegnarono in una raccolta firme che obbligo’ l’allora sindaco Monachese a trovare locali idonei per tenere le poste a Mozzo. La sede attuale. I piu’ penalizzati sicuramente sarebbero state le persone anziane. Ora sta montando una nuova protesta (raccolte firme) per evitare il decentramento al Pascoletto.” Tutti i servizi, Municipio, scuole, negozi sono in centro- dicono i promotori della raccolta firme- e una persona non puo’ girare come una trottola per andare negli uffici pubblici”. Vi terrremo aggiornati

Risultati del primo sondaggio: dai un voto al tuo assessore.


votanti : 77

voti % Assessore

33%  nessun voto espresso
24%  Servizi Sociali e Sanità: Alessandra Ambrosini
24%  Bilancio e Tributi: Roberto Bonalumi
10%  Politiche giovanile e sport: Fabrizio Carminati
10%  Urbanistica ed Edilizia Privata: Gian Bortolo Gherardi
0%   Pubblica Istruzione e Cultura: Elvio Beltramelli
0%  Lavori Pubblici, Commercio, Industria ed Artigianato: Marco Monachese

Mozzo: partono i lavori di Casa Acli


Iniziano i lavori di Casa Acli nell’area del centro sportivo parrocchiale. La struttura messa a disposizione dei cittadini verra’ utilizzata per l’erogazione dei servizi da parte del patronato Acli. Le Acli di Mozzo comunicano che con l’inagurazione nelle prossime settimane la Casa potra’ essere un punto di incontro per raccogliere le esigenze dei cittadini, soprattutto i piu’ deboli. I responsabili tengono a precisare che questa e’ l’ultima opera voluta da Don Davide.

qui le prime immagini di MozzoTV