Mozzo: falsi incaricati luce-gas per le vie del paese


Nella mattinata molti campanelli delle abitazioni dei cittadini di Mozzo hanno suonato. Tre individui, 2 donne e un uomo camicia bianca con occhiali scusi e un po sovrappreso, tutti con accento meridionale, si sono presentati con tanto di tesserino di riconoscimento sul petto in qualita di responsabili luce e gas. I cittadini accortisi della falsa identita’, in diversi casi con scuse, hanno respinto i tre che se ne sono andati a passo veloce. Sono stati avvisati i Carabinieri.

Accade a Mozzo.


“Ho dato un passaggio a un ragazzo di colore che ogni tanto vedo chiedere l’elemosina nella Piazza del paese. Con grande dignita’, senza importunare nessuno. La giornata era calda e mal sopportavo l’afa all’interno della mia utilitaria senza aria condizionata. Anche lui, nonostante le nostre credenze che un africano sopporti meglio il caldo, teneva abbassato il finestrino e ogni tanto si sporgeva maldestramente. Quasi raggiunta la meta nel centro della citta’ incappavamo nell’ennesimo semaforo rosso, quasi che tutti si fossero messi d’accordo in questa mattinata afosa. All’incrocio noto un altro ragazzo di colore che chiedeva agli automobilisti fermi in coda un euro o qualcosa per mangiare. Il mio ospite, nero pure lui, mendicante pure lui mi dice “fermati per favore che gli do 2 euro”. Esterefatto replicavo al ragazzo che anche lui viveva di elemosine e non poteva permettersi di rinunciare ai quei 2 euro, forse gli unici raccolti in piazza in quella calda giornata di luglio. La sua risposta, semplice, composta mi ha lasciato di stucco: ” come potrei ricevere l’elemosina domani, se oggi, non sono io in grado di aiutare uno, magari piu’ sfortunato di me?”