Mozzo/Volley: Serie D regionale – SiAmoVolley MOZZO vs Padernese Volley: ripartenza col botto


——————————–

Per le Rosse di coach Debora Incoli riprende stasera la seconda parte del campionato di serie D.

Si tratta di appurare se l’ultima opaca e deludente uscita del 2017 è stata definitivamente dimenticata. In realtà per l’allenatrice mozzese la vera incognita è rappresentata dalle scorie della prima metà di campionato, dalle calorie in eccesso e le conseguenti decine di grammi che possono aver appannato l’agilità delle sue girls.

A dire il vero le tre settimane di pausa campionato sono state sapientemente riempite dalla partecipazione al prestigioso torneo Under18 di Rovereto (ottimo quinto posto… con qualche rimpianto per una partita persa che con ogni probabilità è costata la finale…) e da un tour de force di richiami atletici imposti negli ultimi dieci giorni dal duo Rovaris-Incoli.

E allora a testare tutto ciò ecco arrivare a Mozzo la Padernese Volley, compagine in netta ripresa rispetto ad un inizio di campionato sottotono ed ora posizionata al sesto posto ad appena tre punti dal quinto posto occupato proprio dal SiAmoVolley MOZZO.

Le comasche per giungere in terra bergamasca non hanno certo dovuto viaggiare molto ma semplicemente varcare il noto ponte San Michele, o ponte di Calusco, o ponte di Paderno o ponte Rothlisberger, dal nome dell’ingegnere svizzero Jules Röthlisberger (1851-1911) che ebbe l’idea di costruire questo ponte lungo 266 metri che si eleva a 85 metri al di sopra del livello del fiume Adda, utilizzando gli innovativi principi della teoria dell’ellisse di elasticità. Sarà però così dicono…

Ore 20:30, eccoci al fischio d’inizio della prima del 2018.

Partenza da brivido per le mozzesi che vanno subito sotto 0-5. Vuoi vedere che le decine di grammi post feste di Natale sono ancora tutti lì?

E invece no perché, recepite due dritte da bordo campo di Debora unite alle sue proverbiali occhiate, le Rosse riescono a riportarsi sotto (4-5). La partita fila via in equilibrio con continui cambio campo fino al primo vero break del Mozzo (14-10) che obbliga l’allenatore comasco al primo time out.

Contro break padernese (16-18) ed ora è Debora a richiamare le sue ragazze a bordo campo per gli input del caso. Tutto recepito a dovere dalle Rosse che tornato a condurre (19-18) per poi mantenere il risicato vantaggio fino al 25-23, che chiude il primo set.

Via al secondo set e sembra di rivedere il film della prima parte del primo set (0-3). Ma anche stavolta le cose vengono prontamente rimesse al loro posto (4-3) ed in scioltezza si vola sul 14-10 per le bergamasche che obbliga il coach avversario ad attuare il primo cambio dell’incontro.

Sembra funzionare perché le sue arrivano al 17-16, causa un rilassamento preoccupante delle Rosse, e questo induce Debora a chiamare il suo primo time out. Scelta azzeccata visto l’immediato break che costringe il pittoresco tecnico padernese (capigliatura da lottatore di sumo e fisico da ballerino di liscio) a due time out consecutivi (il secondo sul 21-17).

Ma non serve a nulla perché, passando da un sontuoso ace di Anna Malvestiti, le Debbi’s girlschiudono il secondo set sul 25-20.

I questi casi il terzo set dovrebbe essere quello del crollo psico-fisico delle blu sponsorizzate “pizzeria Padernino dal 1969” e l’inizio (5-1 Mozzo) ne sembra la conferma anche perché si va rapidamente sul 12-9. Altro momento di relax mentale delle Rosse e siamo sul 13-13 ma è il classico fuoco di paglia.

Le mozzesi tornano a giocare da par loro: si esalta Sara Franchini (sarà il 7,5 conquistato stamattina nella verifica di matematica?), “bombardano” con precisione gli esterni Simona, Rebecca e Isabella, murano a dovere le centrali e recuperano palloni importanti i liberi. Se poi ci mettiamo due ace al servizio di #wonderPese… non può che finire 25-17.

Sospiro di sollievo: la batosta di fine 2017 è stata metabolizzata e le scorie (o calorie) delle festività smaltite.

Tremate tremate, le Rosse son tornate. “(Cronaca GU)