Mozzo/Volley: Volley Serie D: Progetto Valtellina Volley – SiAmoVolley MOZZO


Per la sesta di campionato la destinazione imposta dal calendario regionale è Delebio (SO).

Si parte alle 15:30 (non è un po’ presto?) e questo ci permette di godere, una volta giunti in prossimità del lungolago di Lecco, di una luce che esalta i colori autunnali spettacolarmente riflessi nelle immobili acque dell’ormai familiare “ramo del lago di Como che volge a mezzodì…”.

Purtroppo ben presto la strada s’infila nel tunnel che costeggia il lago ma quando ne usciamo, 40 km più a nord, lo spettacolo è nuovamente da “pel de poia”: le cime delle Alpi Retiche, candidamente innevate dalla prima spruzzata di stagione, appaiono baciate dai riflessi rossi di un infuocato tramonto autunnale che, rosso per rosso, danno il benvenuto alle nostre… Rosse.

Nel frattempo finisce il film motivazionale trasmesso sul pullman (The freedom writers – USA 2007), sapientemente scelto da Antonio con il preciso intento di dare la giusta carica alle atlete mozzesi. Yes, we can !

Eccoci finalmente a Delebio, dove si registrano all’anagrafe poco più di 3000 anime (ma in giro non c’è anima pia), paese posto all’ingresso della Valtellina, proprio lì dove l’Adda raddrizza il proprio corso prima di gettarsi nel lago di Como. Siamo anche alle pendici dei bastioni più occidentali delle Orobie e la temperatura, alquanto frizzante, ci dice chiaramente che qui l’inverno… è alle porte.

Cenno storico: Delebio fu teatro, nel lontano 1432, della cruenta battaglia di Delebio, appunto, che vide i Visconti di Milano contrapposti alla Repubblica di Venezia per contendersi il dominio della Valtellina. Stasera, sportivamente parlando, la palestra di Delébi (in dialetto valtellinese) sarà il palcoscenico della sfida tra Progetto Valtellina Volley e SiAmoVolley Mozzo, valida per l’accesso ai piani alti della classifica del campionato di serie D.

In questa settimana di compleanni (#13Chiara 16, #11Rebecca 16 e #2Serena 15… happy birthday !!!) le nostre Rosse si presentano con il morale a mille dopo la vittoria, seppur in chiaro scuro, della scorsa settimana e pronte ad iniziare una striscia positiva che dia certezze in prospettiva futura. Certo bisognerà fare i conti con la selezione di categoria delle migliori pallavoliste della bassa Valtellina e quindi per vincere è d’obbligo gettare il cuore oltre l’ostacolo.

Dopo una breve passeggiata per le vie già deserte del paese e la scontata sosta al baretto per l’aperitivo, reclamato dalla signora Romina da Martinengo, è ora di andare il palestra per il riscaldamento e l’inizio della partita che, con puntualità svizzera (siamo a pochi chilometri dal confine), alle 19 viene sancito dal fischio di una giovane quanto autoritaria arbitro.

L’inizio del primo set è caratterizzato da un equilibrio quasi “noioso”, conseguenza di soluzioni d’attacco prevedibili, lente e poco incisive. L’equilibrio sembra rompersi solo dopo l’11-11, quando le rosse orobiche operano un mini break di tre punti subito rintuzzato dalle valtellinesi che vanno al sorpasso, il che obbliga coach Debbi a chiamare il primo time out. Qualche aggiustamento alle posizioni in campo e agli schemi d’attacco e… il gioco è fatto. Cambio di marcia perentorio, scatto in avanti nel punteggio e, malgrado i due time out chiamati dagli avversari, il set si chiude sul 25-18 per la soddisfazione della torcida mozzese e del presidente Venturati.

Via con il secondo set che ricalca l’iniziale equilibrio del primo set ma che non ci vede mai avanti nel punteggio. Ci riesce per la prima volta sul 13-12 ma è una mera illusione. Le valligiane tornano subito avanti e… non le riprendiamo più. È ovvio purtroppo che una quindicina di errori concessi gratuitamente non può che portare il Delebio a vincere il set per 25-17. Un black out di gioco preoccupante che richiede l’intervento autoritario di Debora durante il cambio campo. E così è stato.

Nel terzo set infatti la partenza delle Rouges de Moss è… sprint (6-1). L’allenatore valtellinese chiama il time out ma non c’è trippa per gatti. Il gap si allarga (9-2) e neppure il secondo tempo chiamato per le bianche riesce ad invertire il destino del set che con facilità disarmante (e nostro bel gioco) finisce 25-10 per Debbi’s girls.

Ancora uno sforzo raghe e ci portiamo a casa il match”.

Il messaggio, che telepaticamente i tifosi mandano alle rosse,  sembra essere stato recepito tant’è che, complice un netto calo delle avversarie, si vola sull’11-5. Inizia l’altalena dei cambi palla che non può che giocare a nostro favore ed infatti in pochi minuti si raggiunge il 25-21 che sancisce il risultato finale della sfida: SiAmoVolley MOZZO vince 3-1 e porta a quattro le vittorie nelle prime sei giornate di campionato.

Applausi meritati e… pizza per tutti al Terziere di Andalo Valtellino.

Sulla via del rientro prende il sopravvento la stanchezza che, complice l’effetto alquanto soporifero del profumo di mughetto che impregna l’aria del bus, fa piombare giocatrici e tifosi nel torpore più assoluto.

Anche questa è andata (bene). L’appuntamento è per sabato prossimo, 25 novembre alle 20:30. Tutti al palazzetto di Mozzo per l’ennesima sfida al volley valtellinese, ospite il Morbegno Volley.

Ora e sempre… forza SiAmoVolley MOZZO.