Mozzo: Astino e le miniere da riscoprire Ma la Mia non aiuta gli speleologi – Bergamo Post


«Quando abbiamo saputo dei progetti attorno a Astino ci era sembrato naturale ripetere anche qui l’esperienza di Zogno», dice Giovanni Pendesini, uno dei volontari del gruppo, composto anche da appassionati di Bergamo, Mozzo e Curno. «Non possiamo permetterci di pagare un canone proprio perché siamo tutti volontari e una gestione turistica ampia con la previsione di un biglietto di ingresso necessiterebbe di risorse finanziarie che non abbiamo». Pendesini non nasconde il suo dispiacere per come sono andate le cose: «Riteniamo che questo percorso sotterraneo vada valorizzato, ma una visione commerciale mal si presta alla nostra attività. A questo punto dovremmo avere custodi fissi e personale: oneri per noi insostenibili. Tanto più che la visita al percorso sotterraneo necessita di spiegazioni che non possono essere date in modo da guide improvvisate. Noi siamo mossi dalla passione e i nostri racconti ai visitatori, come già facciamo a Zogno, vanno oltre l’aspetto tecnico».

 

Sorgente: Astino e le miniere da riscoprire Ma la Mia non aiuta gli speleologi – Bergamo Post