Mozzo «Combatto contro il Moyamoya che ha ucciso mia sorella Monica» – Bergamo Post


«A fine dicembre l’hanno trasferita alla Casa degli Angeli di Mozzo per la riabilitazione. Mio cognato, che è un uomo meraviglioso, è andato per un periodo ad abitare con lei e il bambino nell’appartamentino che c’è all’ultimo piano del centro. In seguito, per stare accanto a Monica e al bambino si è avvalso della legge 142 che consente di assentarsi dal lavoro per un massimo di due anni quando c’è da assistere un familiare malato».

Sorgente: «Combatto contro il Moyamoya che ha ucciso mia sorella Monica» – Bergamo Post