Mozzo/Storia: I soprannomi attribuiti alla gente di Mozzo (negli anni 1930 -1980) di Luigi Rota


I soprannomi attribuiti alla gente di Mozzo (negli anni 1930 -1980)

L’attribuire soprannomi agli abitanti di un paese, ad una singola famiglia, o ad un individuo, nomignoli che spesso lo qualificano in tono canzonatorio, è abitudine antichissima. (NB. Anche in atti notarili. Curiosa testimonianza di ciò è un atto notarile redatto in Bordogna (BG) nel lontano 1364 di cui riporto integralmente una breve citazione.
“In loco Bordonia super cimiterio S. Georgii ser Henricus fil. Quond. D. Baldesari dicti “Zuche de Bordonia”; Berulinus dictus “Malichinus”; Bertramus dictus “Mazonus” et Degauldus dictus “ Malpetux Frates” filii quond. d. Joannis dicti regoli olim suprascripti d. Baldasaris, Marchisinus fil. quond. Gufredi Rufinonum, Lamaius fil. quond. d. Martini dicti “Botelle” olim filii d. Gerardi ser Gaspari, Joannes dictus “Crottus” et Joannes dictus “Marenzono Frates”.
Nei tempi successivi dai soprannomi e dai nomi di persona sono derivati gli attuali cognomi.)
(Con questi soprannomi ho voluto fare una carrellata di ricordi su questi personaggi di Mozzo, perché essi hanno caratterizzato negli anni passati la vita del nostro paese.

Molti altri avrei potuto e forse dovuto ricordare ,i quali meriterebbero di essere menzionati per il positivo ricordo che essi hanno lasciato di sé nella memoria di chi li ha conosciuti.
Ricordandoli, ci si rende conto come la vita sociale e i rapporti tra la gente siano completamente cambiati. Quella solidarietà e quel senso di amicizia che allora essi esprimevano e che facevano parte della nostra vita, oggi sembrano essere venuti meno.
Nei decenni passati, Mozzo era come una grande famiglia, tutti si conoscevano, si salutavano, si volevano bene, anche se i tempi erano di miseria e lo spirito di sopravvivenza era forte in ognuno di noi. Oggi invece capita che chi abita sullo stesso pianerottolo non si saluti nemmeno.
Ricordare queste persone è stato per me come rivivere quei tempi andati che, almeno sul piano umano,mi procurano molta nostalgia.
Li ho ricordati nel bene e nel male, chiamandoli con i soprannomi che allora avevano, e che erano una regola consolidata, e attraverso i quali erano conosciuti da tutti.
L’ho fatto non per scherno, anzi con tutto il rispetto che io ho nutrito per questi personaggi.
Essi infatti sono ormai diventati parte della nostra storia più vera.
L’averli ricordati ha significato per me rendere loro un deferente omaggio per quel che ci hanno dato e insegnato.
Non se ne dolgano perciò amici e parenti se di loro ho raccontato, e se li ho chiamati con il soprannome. (agli amici Mozzesi D.O.C.)
A. l’Argentino – i Africà

B. i Bigiù – i Bulgher – ol Boröla – ol Berbì – ol Barba – ol Baco – ol Bale – ol Bocal – ol Borsa – ol Baghèt – ol Boletù – ol Balì – ol Bèlo – ol Bélo – ol Bèrghèm – ol Barbisù – ol Bu – ol Batistù – ol Barberì – ol Bianco Raesa – ol Bogia – ol Bomba -ol Bibo – ol Betega – ol Bènelì – la Bèla

C. i Cròcc – ol Cincali – ol Cesina – ol Cieco – i Crapòcc – la Ciusca – la Ciöcia – ol Canöa – ol Comudina – ol Carèk – ol Colobia – ol Ciancì – ol Casela – ol Cöcc – ol Curtelì – i Caselì – ol Ciciana – ol Caselànt – ol Ciörcil – ol Cümünof – ol Ciùca – ol Coppi – ol Cristelina – ol Cipì – ol -Ciucio – ol Ciòna – ol Caghèta – ol Cagiada – i Carlòcc –

D. ol Diaolì – la Diaolina –
E. —–
F. i Fanie – ol Fifarì – ol Frica – la Fanfanina – ol Fross – ol Farùk – ol Fendo – ol Frèsa –
i fratelli Forrèster – ol Fusto – ol Fernandèl – ol Farìfa –

G. i Giopì – ol Gioan di Poie – ol Giostra – ol Giagio – la Galesa – ol Gamba de Selem –
ol Gigioto – ol Gogi – ol Galèt – la Giostra – ol Guèra – ol Galì – ol Güga – ol Gibì – ol Ghigna – ol Gioanèla –
H.
I.
J.
K.

L. ol Lüchì – la Lüchina – la Lüsina – ol Lècapiatti – la Lösèrta –

M. ol Magnà – ol Möfa – ol Mao – ol Mato – i Magher – ol Molèta – i Minós – ol Meca –
i Mosche – i Mazòcc – ol Momolo – ol Mentì – ol Mucì – ol Mocio – ol Margiòt –
ol Morèto – la Mandèla – ol Macaco – i Mandèi – ol Minghì – ol Macagì – ol Manacio –
-la Marenza – ol Minéstrina – ol Mingo – la Maestrina – la Marièt – la Margì -ol Méntana – ol Morèsca –
N. ol Napo – la Nani – ol Ninì – ol Ninòto – ol Nighèr – la Nasì – ol Nano – ol Nemico – ol Nèbbia –

O. ol’Orbì – i Oche – o l’Os–cia
P. ol Pacio – ol Paciù – ol Pacì – ol Pècì – ol Piciùchete – ol Poia – la Pètol – ol Pistola
ol Panèto – ol Pülzì – ol Pistì – ol Podestà – ol Pecio frer – ol Picial -ol Pomata – la Pioca – ol Palanchina – ol Pegor – ol Pàncioli – ol Paterina –

R. i Ross”valdemagnì”–la Rossa dela Möla – la Rossa del Podestà – ol Ruso –ol Röstèk – i Ratì – ol Rós Casina – la Raesìna – ol Raesa –

S. ol Sacrocuòr – i Steèn – ol Saù – la Spaca – ol Sardèla – ol Söcalonga – ol Santì –
la Spüsù – ol Sigür – ol Svisèr – ol Stortacòl – ol Scorèzù – ol Söca – ol Satù – la Sorella morte –

T. ol Terì – i Togn – ol Tèsco – i Tome – ol Tuschì – ol Tola – ol Tàfari – ol Titì –
– ol Tröcatèrmen – ol Tranvier – ol Totò – ol Titóla – ol Tènda – ol Tópì – ol Tètalila – ol Tétù –

V. ol Volo – la Vedova bianca –

Z. ol Zana – ol Zipa – ol Zingarì – ol Zignago –

(Ringrazio i collaboratori, MOZZESI D.O.C. che mi hanno aiutato nella ricerca degli “scotöm” )

Gli abitanti di Mozzo sono detti: MOSACÜI dè MOSS –Tratto dal libro di Martino Campagnoni e Vittorio Mora dal Titolo:
Una curiosa Geografia BERGAMASCA Paesi e contrade e soprannomi delle loro genti
– – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –
EPITETI e soprannomi sono detti in Valle Seriana “ SCOTÖM”
( mi scuso con quelli che ho dimenticato, non l’ho fatto apposta)
(lo scotöm della mia parentela è inserito nell’elenco) (firmato) MOSACÜL dè MOSS

(per i curiosi consiglio di leggere il libro di antologia (trovasi in biblioteca a Ponte S. Pietro) finito di stampare nel 1984).Potrete leggere tutti i soprannomi della gente di Ponte S. Pietro.(autore Franco Lazzarini.) Inoltre è descritto un personaggio famoso conosciuto anche a Mozzo all’epoca:
Nel rione S. Anna -contrada de Moss, a Ponte S. Pietro, viveva un certo Nava, chiamato “Giosèp ol Napo”, e a quell’epoca, primi anni “30” avrà avuto un 55/60 anni. ( fu sepolto nel cimitero di Mozzo). Uomo tozzo e nerboruto, andava quasi sempre a piedi nudi, “braghe”di fustagno estate e inverno, camicia di tela grezza aperta sul petto, dalla quale spuntava un folto pelo, da sembrare un orso. Abitava in due miseri stanzoni con moglie, tutta curva e raggrinzita dalle fatiche e privazioni, e con due o tre figli ormai grandi.
Prendeva sbornie solenni, e spesse volte, la domenica pomeriggio, veniva giù nel centro del paese a predicare.
Si metteva davanti al bar Italia – ora drogheria Nodari -,frequentato da parecchi notabili di Ponte, e li arringava dicendo:”Oter si töcc di bambòss, a si ‘gnoràncc come bore e capì negota. Gh’i de ‘mparà di indiani a stà al mond.
Regurdìv che, dòpo ol Signor, a ègne mé, e quando mé sarò mòrt, la zet che bestémia la dirà piö “Pòrco…io, ma la dirà Pòrco Napo!” E la concione, su questo tenore, durava quasi un’ ora . Poiché tutti lo conoscevano, lo lasciavan dire, ridendo, anzi talvolta lo stuzzicavano per aizzarlo.
Un giorno, dopo un litigio in casa, sempre ubriaco, prese sulle spalle il tavolo di cucina, venne in paese e, giunto sul ponte, lo scaraventò nel Brembo. I suoi figli accorsero poi giù alla diga a ricuperarlo.
(n.b.) “Lautore della storia del Napo è Vittorio Maffeis.” ( GAT dè PUT)

Il SOPRANNOME degli abitanti di PONTE San PIETRO: sono detti :” I GACC de PUT “.
– – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –
L’utilità dei soprannomi è utilissima in certi Paesi della Bergamasca . Vediamo Rota Imagna oppure Almenno o Brembate Sopra.
In questi Paesi è quasi impossibile individuare a colpo sicuro un Rota Giuseppe , Luigi, Antonio.Giovanni ecc. ecc.
perché ce ne sono a decine. Allora ècco l’utilità di usare i soprannomi per distinguere gli uni dagli altri.
A Brembate Sotto.Nelle famiglie si trovano: Liù (dal nome del capostipede,) Trómba, Ghislòcc, Iópe e Catreì
(perché la famiglia veniva da Treviglio); nelle famiglie si trovano: i Pisinècc, Pinténa, Pècia; sempre a Brembate Sotto nella famiglia “Rota” troviamo: Mànech; Montagnér (probabilmente per la loro provenienza), Tempestù, e così per numerosi casati.

E così è anche per il Paese di Mozzo, ci sono tante famiglie che hanno lo stesso cognome: citiamone alcune:
Nava, Bonati, Rota, Mazzola, Bonacina, Locatelli, sono decine a Mozzo, alcune famiglie non sono neanche parenti fra loro, però tutte hanno il loro soprannome, a dire il vero alcuni sono un po’ spregiativi,altri sono ridicoli o di scherno.( vedi GIOPI’ eppure non hanno i gozzi.Chissà da dove arriva questo soprannome.
Alcune voci dicono che un trisavolo di questa famiglia abbia sposato una bella ragazza di Zanica ( Sanga) paìs di Giopì.
Analizziamo qualche soprannome per capire l’attinenza con il personaggio e il suo “suèrnom” -Per esempio: il Pacio
era un uomo grande e grosso, e pacifico,di conseguenza il “popolino”contadino trovò facile chiamare “Pacì” tutti i
suoi figli e discendenti.
Ol “Ruso”non era un cittadino della Russia, ma semplicemente perché era rosso di capelli.
I AFRICA’—erano Mozzesi (non erano africani) che emigrarono in Etiopia nel 1936.La loro villa è ancora oggi chiamata”la cà di africà”
e si trova in Via Don Todeschini. E’ stata acquistata nel 1998 da una persona non di Mozzo alzandola di un piano.
L’ ARGENTINO – lavorò tanti anni in Argentina.
I fratelli FORRESTER come quelli del film wester, erano” uno per tutti e tutti per uno”frequentavano i paesi vicini gicando a morra e ogni tanto la partita finiva a cazzotti. I loro cavalli non mangiavano biada essendo biciclette d’acciaio.
Ol Mocio detto così perché era monco di mezzo braccio –
Ol Magnà era contadino, si potrebbe pensare che da giovane avesse fatto lo stagnaro, invece no.
Ol Podestà: non fu mai eletto Podestà, forse fu chiamato così per il suo carattere o comportamento di “capo”.
Ol Canöa: tra le tante case vecchie di Mozzo, la famiglia dei “Canöe” abitava (alle Crocette) in una casa “nuova”circondata da case vecchie.—Ol Cristelina era detto così perché quando imprecava diceva questa parola per non bestemmiare.
Ol Sigür: nei suoi discorsi intercalava di frequente questa frase: Se gli chiedevi: sigür rispondeva, allora ci vediamo domani , .
Ol Frèsa: aveva sempre fretta, camminava in fretta e parlava in fretta.—Ol Mao era chiamato anche Stalin per la
sua fede di Comunista convinto.—Ol Galì era un professore di pianoforte, (abitava in Via Crocette) era sempre in giro con il papillon (galì)era
anche detto “Pigiama”per il suo modo di vestire,(andava in giro con pantaloni bianchi a righe e vestaglia da camera.)
Ol Saù venditore ambulante di prodotti per la casa,girava nei paesi con la bicicletta munita della cassetta di legno,erano
gli anni subito dopo la guerra. Divenne famoso e ricco con negozio di tessuti alle Crocette.
Ol Galèt nel 1948 cantava nella “schola cantorum di Mozzo,” cantava da tenore e aveva degli “acuti”formidabili, e
per questa ragione gli fu dato l’appellativo di “Galèt”. I Bulgher: detti così perché provenienti dal paese di Bolgare.
Ol Ciòna, detto anche Piciùchete era un contadino che aveva montato una botte sul carro, (chiamata biròcia)(era una
piccola autobotte trainata dal bue) girava il paese vuotando i pozzi neri (latrine) e scaricava il” prezioso”contenuto
nei campi agricoli da ingrassare. (tutta materia biologica; aggiungo io—mèrda purissima.) (era di Mozzo di Sopra)-
Ol stall di Oche: chiamati Oche semplicemente perché quella famiglia allevava oche,(per il piumino e la carne).
L’ Os -cia, non bestemmiava mai, la parolaccia che pronunciava era “ os -cia”.
Ol Piciàl detto così perché da ragazzo era magrolino, come l’uccellino “piciàl”
Ol Farùk era un contadino che negli anni 1940 veniva in Piazza a piedi nudi, incontrandolo per strada, io da solo avevo
paura.
– – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –
Famosi scrittori e Poeti bergamaschi come Pietro Ruggeri (1797 -1856) usavano nelle loro composizioni parole (tanto per citarne una) come:
Ol caécc de Siserà (il cavicchio di Ciserano) – All’inizio del secolo scorso (1900 -1910) i cittadini di Clusone chiamavano il futuro Cardinale di Schilpario “il Cornaro” alludendo al nomignolo degli Schilpariensi di cornari,o cornagioni.

Dopo la sec. guerra mondiale, a Bergamo vennero pubblicati come”fatti curiosi” alcuni elenchi di scotöm o soprannomi su calendari (della Parrocchia di Santa Caterina anno 1949), e poi su un calendario del Patronato San Vincenzo di Bergamo, e sul GIOPI’ (18 maggio 1952)
Comunque appassionati di cose locali, e persone rimaste anonime hanno portato il loro contributo, ed a tutti va un ringraziamento perché hanno fornito dati e confermato informazioni già note per altre fonti.

ALCUNE CURIOSITA’ sui SOPRANNOMI degli abitanti di alcuni paesi.

MOZZO: Nome che risalirebbe ad un personale”MUTIUS o MOTIUS” la psicologia
popolare accostò al verbo “mossà”, che significa “ mettere in mostra” parti del
proprio corpo, e cavò per dileggio il soprannome “I MOSSACÜI de MÓSS.”

CURNO: detti: “ -I FARÓ de CÜREN” perché facevano tutto loro.

LALLIO: “ I BIGOI de LAI” – paese agricolo che produceva molto aglio. Il fusto dell’aglio in
dialetto si dice bìgol, e hanno coniato il soprannome per gli abitanti, è da interpretare come
“i bonaccioni un po’ sciocchi di Lallio”

LOCATE: “ I LÓCH de LOCÁT”—Gli allocchi di Locate” non risulta alcuna statistica che abbia
rilevato quanti siano in realtà proprio a Locate gli .

PONTE S. PIETRO: “ i gacc de Put” e per dileggio detti anche “màia -gacc de Put”

SCANO: “ i contì de Scà” “ Piccoli conti di Scano “gente che si da arie nobiliari.

OSSANESGA: “i miseràbei de Ossenésga”in contrapposizione ai nobili di Scano.

Caravaggio “i purselì de Careàs (allevatori di maiali)

Pagazzano “i balabiócc de Pagassà ( balabiòt si dice di una persona di cui non ci si può
fidare della sua parola)

Stezzano:”i spassa polér de Stesà

Sabbio:”i teedèi de Sabe
Bianzano:”i boahù de Biansà
Mologno: “i macc de Mològn
Selino Basso: “i’mpustùr de Selì Bass
Camerata: “i màia -mòrcc de Camerata
Dossena: “i macc de Dosséna
Gromo: “ i bèch de Gróm
Lizzola:” i porsèi de Lisöla
Palazzago: “i pigassì de Palassàch
Osio Sotto:” i saiòcc de Ös Sóta
Martinengo:” i làder de Martinèng
Paladina: “i laapate de Paladina
Villa d’Almè:” i màia -racc de Éla
Gandellino:”i spassacamì de Gandilì
Nese: “ i Massacà de Nés
Aviatico: “i tacù de Aviàdegh
Lonno:” i cruchi de Lòn
Nossa:” i smèrda -bachècc de Nòssa
Mozzanica:”i lös de Mossànega

La lista completa di tutti i paesi della bergamasca è su un’altra cartella dal titolo:
“ Paesi e contrade e soprannomi delle loro genti”

(grazie alla ricerca storica fatta da Luigi Rota)