CRONACHE MOZZESI: L’evoluzione del Comune e della vita a Mozzo, 72 anni attraverso i documenti municipali (delibere pubbliche) 1882-1953 (ricerca a cura di Luigi Rota)


1601656_1448670128696439_2100470225_o

L’evoluzione del Comune e della vita a Mozzo 72 anni attraverso i documenti municipali (DELIBERE PUBBLICHE) 1882-1953 (ricerca a cura di Luigi Rota tra documenti portati in discarica nel 1994) 

————–

Una delibera del 29-3- dell’anno 1883 dove il Signor Gamba Andrea chiede di aprire rivendita privativa generi alimentari nel centro del paese.

5-5-1883- Pagamento bagliatico per madri impotenti all’allattamento.

22-10-1884-Sviluppo del colera

16-11-1884-Scelta del fondo ove erigere la scuola.

31-10-1886-Concorso per impianto del tram Bergamo Ponte S. Pietro (£ . 2.000)

26-10-1889-Concorso spesa progetto tram Bergamo Mozzo Almè.

26-2-1890-Scelta località per erigere l’edificio scolastico e altri preliminari di compra vendita.

29-3-1892- Cerca impianto di Tiro a segno Nazionale.

15-3-1907- Contravvenzione daziaria ( £. 4,80) elevata a Suardi Santo.

13-4-1908- Bocciatura domanda della Signora Bonati Maria Elisabetta per aprire un esercizio pubblico (osteria) al Pascoletto ( posto assolutamente isolato che dista molto dal Centro del Comune, e per di più piazzato in mezzo alla campagna.)

31-5-1910- Proposta per nomina fabbricere vista la richiesta del Rev. Subeconomo dei Benedettini per la sostituzione nella qualità di fabbricere del Sign. Locatelli Luigi defunto, propone i Sigg. Locatelli Pietro fu Luigi e Rota Giuseppe fu Domenico. (era mio nonno Giuseppe).

23-3-1911- Acquisto tigli da piantare nella Piazza Comunale (Piazza Trieste)

29-3-1914- Voto contrario al Sig. Dossi Angelo di prolungamento orario di chiusura di un ora dell’esercizio pubblico. (era un’osteria alle Crocette.)

17-7-1914: con delibera della giunta del Comune di Mozzo:

Domanda della Signora Rota Giovanna maritata Fiorendi, di poter aprire un’Albergo sulla Piazza Comunale e precisamente nel fabbricato che colà ha costruito l’Assessore Riva Giacomo. Viene accolta la domanda ma credesi di dover rilevare in via di fatto, sulla stessa Piazza havvi una trattoria gestita dalla Signora Mangili Teresa Ghezzi. (N.B. il Riva Giacomo è cognato della Rota Giovanna avendo sposato Teresa, la sorella di Luigi Fiorendi)

Comunque la domanda è rimasta nel cassetto.

26-3-1915- Domanda del Sign. Fontana e soci per avere una fontanella alla Colombera.

31-3-1916 – Farina di frumento £. 0,54 cent. al Kg.-Pane tipo unico cent.54 al Kg. in forme grosse superiori a 100 grammi-Pane tipo unico cent.58 al Kg. in forme inferiori a 100 gr.

Zucchero raffinato a £.1,65 al Kg.-quadrettato piccolo £. 1,75 al Kg.

14-9-1916-RIVENDITA SALE e TABACCHI (Privativa N° 2) in Piazza Trieste affidata a Ghezzi Giuseppe nato a Palazzago il 26-8-1847.(La Privativa N°1 è alle Crocette affidata a Dossi Angelo

29-11-1917- Appello alla popolazione per salda e compatta Volontà di resistenza al nemico che invase il suolo della Patria, e per sicura fiducia nella Vittoria.

31-5-1919- Proposta per l’erezione di un Asilo Infantile a perenne ricordo della Vittoria riportata dalle Armi Italiane.

All’interno dell’asilo fu posta una lapide di marmo con scritto:« Più di questo manufatto duramente scolpito, si perenni sacro ai posteri il ricordo della lunga faticosa opera del Popolo di Mozzo, che, auspici i benemeriti Signori GIACOMO GAMBA e Cav. LUIGI RIVA primo benefattore offrì nel nome di DIO e DELLA PATRIA quest’Asilo Parrocchiale concordemente eretto offrendolo in Dono alle giovinezze in fiore—(23 sett. 1938—24 ott.1939

XVIII E. F.» )

16-6-1921 : domanda di vendere vino al minuto presentata da Fiorendi Luigi delibera di far voti perché la domanda, a nome della Cooperativa di consumo di qui, venga favorevolmente accolta ; si osserva però che nella Piazza comunale (di facile sorveglianza) dove si vorrebbe aprire l’esercizio, già da anni havvi altro consimile esercizio.

9-7-1921- Approvazione progetto conduttura acqua alla Colombera (£. 5.500).

Anno 1921 abitanti di Mozzo sono 1.006

16-2-1923- Approvazione del Sig. Prandi Giuseppe per costruire una casa nelle vicinanze del locale cimitero.

14-12-1923- Approvazione elenco dei poveri.

20-4-1926- Domanda del Sig. Dolci Luigi per passaggio sulla strada (detta della Portina) colla propria teleferica.(n.b: si stava costruendo la nuova chiesa, e le pietre venivano scavate dal Monte Guzza.)

1-6-1926- Acquisto terreno per il parco della Rimembranza di fronte al Cimitero di mq. 316 di proprietà del Sig. Riva Giacomo di qui per £.1.500.

6-2-1927- Nomina provvisorio Messo Comunale.- Considerato che il Messo Comunale provvisorio Bonati Giovanni, data la sua tarda età (80 anni) non può disimpegnare con sveltezza e sollecitudine le proprie incombenze, delibera di nominare in via provvisoria a Messo Comunale di questo Comune l’ex carabiniere Signor Rota Domenico di Giuseppe, di qui d’anni 26, con l’annuo salario di £. 400 e il caro viveri di £. 250-

6-5-1927; Domanda del Signor Brembilla Giuseppe di Felice di subingredire esercizio tenuto dal Signor Fiorendi Luigi. Subentro con aggiunta dello smercio di birra, gassose ecc.

8 sett. 1927- Istituzione del Comune di Curdomo (R.Decreto N° 1745 col quale vengono fusi i Comuni di Mozzo e di Curno in uno solo col nome CURDOMO ) = Cur=Curno-Do= Dorotina- Mo=Mozzo “è un acronimo “ CUR—DO—MO.(così volle Mossolini) Io naqui a Curdomo.

20-12-1927- Mozzo e Curno= ettari 860 circa,abitanti 4000 circa .(sono 2 paesi)

11-9-1927- Contributo Comunale per il campo sportivo e la Biblioteca del locale Dopolavoro

11-9-1927- Contributo Comunale per la Casa del Fascio e Sindacati di Bergamo.

4-2-1928- Spesa per acquisto macchina da scrivere OLIVETTI.

4-2-1928- Spesa di abbonamento al tram elettrico BG. Ponte San Pietro per i portalettere Ambrosini (Curno) e Rota Domenico (Mozzo). (era mio Padre)

28-12-1928- Contributo per gli Avanguardisti e Balilla per gli anni 1928-1929.

21-3-1930- Spesa per la festa patriottica ai Combattenti Alpini e Bersaglieri del 6-10-1929.

28-11-1931- Compenso alla bidella della scuola di Mozzo,per lavoro straordinario.(era mia madre Brena Clementina).

17-6-1932- Sussidio di cura a Salsomaggiore dello scrofoloso Pirola Giovanni.

29-10-1932- Costruzione del Lavatoio pubblico alla frazione Mozzo di Curdomo.

29-10-1932- Spesa per uffici funebri ai caduti di guerra.

15-9-1933- Contributo per l’offerta di una statua al Foro Mussolini in ROMA.

14-6-1934- Spesa per impianto illuminazione scuole di Mozzo.

13-7-1934-Spesa per il Lavatoio pubblico in frazione di Mozzo.

29-8-1934- Accettazione delle dimissioni della Guardia Comunale Rota Domenico.

5-10-1934-Spesa per l’arredamento del nuovo Asilo di Mozzo

10-11-1934-Spesa per il Lavatoio pubblico in Mozzo

29-12-1934- Spese per i medicinali ai poveri, per le gestanti povere e per le cure al povero Grassi Alessandro.

2-3-1935- Grassi Giovanni assunzione provvisoria disbrigo servizio seppellitore a Mozzo.

4-12-1935- Assunzione di Mangili Alessandro a scivano provvisorio.(detto Gigì)

20-2-1936- Acquisto bombe pirofughe. e Contributo al Fascio Combattente per manutenzione stabili.

18-10-1937- Approvazione spesa acquisto biglietti Lotteria di Merano.

2-4-1938- Ricovero Istituto Palazzolo della deficiente Bonati Margherita.

16-6—1938- Contributo Comunale per spesa ampliamento Chiesa comunale.

29-7-1938- Spesa per cure marine per Tironi Mario di Michele.

24 -4-1939- Intitolazione di una Via al Martire Fascista Virgilio Nava ( a Curno) NB: era di Mozzo ma fu assassinato barbaramente a Curno.

30-5-1939- Salari Comunali Annui-(seppellitore £.350) (regolatore orologio £.125 )

(bidella £.250 )

30-5-1939- Contributo spesa per cure marine a Tironi Mario di Michele, iscritto nell’elenco dei poveri al paragr.n° 50 (amputazione chirurgica di una gamba). Spesa £. 230-Contributo £.130 del Comune e £.100 dal Cotonificio Legler.(suo padre lavorava alla Legler di Ponte S. Pietro).

24-6-1939-Proroga delle mansioni di scrivano dattilog. Al Sign. Mangili Alessandro £.2500 mensili.

9-11-1939-Spesa per divisa completa con berretto filettato per la Guardia Civica £.500 al Sign. Rota Domenico per servizio di sorveglianza. Per l’erogazione di acqua per il Lavatoio di Mozzo £.200 . Al Sign. Lodetti Giovanni, falegname per la fornitura di casse da morto per i poveri £.175.

31-12-1939- Rette ricovero deficienti Facoetti, Brembilla e Bonacina £. 1.380

31-12-1940- Rota Domenico compenso guardiano lavatoio pubblico di Mozzo £.200—Nava Tobia spazzino £.180.

5-4-1941- Approvazione spesa costruzione tettoia uso cucina da campo destinate Reparti Truppa Divisione ARIETE che ebbero soggiorno nel 1940. Al Capomastro Finazzi Abramo

£.700.

12-7-1941-Indennità di manutenzione bicicletta in uso al Messo Comunale £.100.

30-12-1941—Brena Clementina in Rota servizio sorveglianza lavatoio Mozzo £.200.

1-10-1942- Contributo di £.500 una volta tanto spesa medica bambina Bonati Lorenzina di Pietro di anni 2 e mezzo affetta da lussazione congenita bilaterale.

31-12-1944—Spese funerarie per i colpiti da incursioni aeree Dalmine 7 luglio 1944-e 8-11-1944 a Ponte S. Pietro in cui rimase vittima Farina Amadio residente a Curdomo. A Dalmine rimasero vittime gli operai Pendesini Giovanni, Meroni Guglielmo, Proserpi Vito- totale tra spese funerarie e casse da morto £.8.118-

22-12-1945- Compenso straordinario alla bidella delle scuole elementari di Mozzo

1947-RICOSTITUZIONE del Comune di Mozzo-dal 1 genn.1948 (stabilito con decreto n°1093 del 2-8-1947).

24-6-1948-Elezioni Camera dei Deputati.

1-7-1948 liquidazione compensi al personale addetto alla distribuzione annonaria, a Rota Domenico £. 500 al giorno per un totale di £. 2000.

10-10-1948—Tasse Comunali sui cani:

Cani di lusso £. 4.500

Cani da caccia guardia £. 1.500

Pianoforti £. 1.000

Auto a 2 cav. £. 1.000

Auto a 1 cav. £. 800

Motocicli £. 600

31 dic. 1948-Stanziamento contributo Asilo Infantile £. 4.000

2 gennaio 1949-La Giunta esprime parere contrario al distacco della frazione Merena.

17-3-1949- Pagamento di £. 5.000 per festeggiare l’ingresso del nuovo Parroco don Carlo Zambelli.

14-7-1949-Liquidate al Signor Rota Domenico (portalettere) per prestazioni come Messo Comunale per il periodo 1-1-1949 al 30-6-1949 con la somma di £. 15.000 più £. 2.000 per censimento del bestiame sul territorio comunale (4 giorni lavorativi)

31 dic. 1949 liquidato al Sign. Rota Domenico £. 15.000 per le sue prestazioni come Messo Comunale dal 1-7-49 al 31-12-1949.

13-4-1950-Nomina del bidello scuole elementari (provvisorio in attesa di concorso) nella persona della Sign. Brena Clementina fu Luigi dando atto che, la suddetta svolge tale mansione di fatto dal 10-3-1928.

9.6.1950 Compenso al Sig. Rota Domenico di £. 1000 per il censimento del bestiame.

30.6.1950. Liquidazione di £. 5000 alla bidella Brena Clementina per lavoro straordinario effettuato nel biennio 1949-1950 (salario mensile della bidella £. 1650)

20-7-1951 Liquidazione del compenso presentato dalla Sig.Brena Clementina, bidella per le straordinarie effettuate e da effettuarsi nell’anno scolastico 1950-1951 per la pulizia delle scuole, degli uffici comunali e dell’ambulatorio medico.

12-1-1952- Contributo di £. 20.000 per la sistemazione del Teatro Parrocchiale e per l’acquisto di una macchina di proiezione film.

4-4-1952- Liquidate al Sig. Rota Domenico £. 1.500 per censimento del bestiame sul territorio comunale.(n.b: 8.4.1952 papà è morto).

18.9-1952.tassa cani lusso £. 6.000

Cani guardia caccia £. 2.000

18-10-1952- Nuovo Sindaco Pasquale Bonacina. £. 7.500 a Pasquale Bonacina che ha presieduto l’ultima seduta.

2-11-1952- Nuovo Sindaco DE MICHELI LUIGI.

1-1-1953- Liquidate al Sig. Rota Domenico (post mortem) e al Sig. Bonacina Pasquale complessive £.11.100 per il censimento del bestiame.

28-11-1953- Delibera di concorso per 1 posto di Messo Comunale, stradino, seppellitore e guardia (Cesareni Mario)

28-11-1953-£. 1.000 al Sign. Bonati Enrico per distribuzione moschicida.

13- 3 -1954- Compenso ai Sigg. Bonacina Pasquale e Bonalumi Pasquale di £. 3.000 a testa per rilevazione bestiame.

——————————————-

Le condizioni economiche di alcune famiglie erano veramente disastrose: ne fa fede la seguente delibera:

Premesso che Nava Gabriele di Giuseppe (sulla lapide dei caduti in guerra posta nel cimitero di Mozzo è chiamato Emilio Nava) (fratello del Napo “ Tone”) della classe 1913, partigiano, venne ucciso proditoriamente dai nazifascisti (*)a Vedeseta il 24 novembre 1944, visto che la vedova del partigiano suddetto è in così povere condizioni (mamma di una bambina)(oggi 2013 la piccola bambina (ha 69 anni) e vive a Curno, si chiama Luisa, e è sposata con il signor Cortesi) che non le permettono di erigere, a ricordo del proprio marito, un sia pur modesto monumento sulla di Lui tomba, visto che la lapide marmorea delle sanzioni, tolta dalla facciata del municipio può essere utilizzata come lapide in ricordo del partigiano Nava Gabriele, si delibera di cedere gratuitamente alla vedova la lapide in oggetto purchè venga costruito un cippo ricordo sulla tomba del caduto.”

Nota redattore(*)”Il Partigiano Nava Emilio classe 1913, non venne ucciso proditoriamente dai nazifascisti , come scritto erroneamente nella delibera a cura del Comune di Mozzo Curdomo redatta in data…. ma per un tragico equivoco dai partigiani della 55a Brigata Garibaldi “Rosselli” e alcuni partigiani della 86aBrigata Garibaldi “ISEL” in un scontro a fuoco durante il tentativo di disarmo del distaccamento di Vedeseta composto da partigiani delle Fiamme Verdi “Gruppo Valbrembo”- I morti furono 5- Tre della “Valbrembo” di cui il Nava faceva parte- 1 della “Rosselli” e 1 della “ISEL”

(dico io: come mai non gli è stata intitolata una Via del nostro paese? Mentre all’altro partigiano Luciano Tironi morto il 26 sett. 1944 a Petosino in un agguato con i tedeschi e fascisti dopo avere assaltato la villa Masnada a Mozzo gli è stata intitolata una Via?.) Luciano aveva 19 anni.

—-Per la cronaca: La vedova del Nava (partigiano)dopo alcuni anni si è rimaritata con Paolo Milani di Mozzo classe 1920, e ha avuto altri figli.

Nell’anno 2013 sono venuto in possesso di una foto dei primi anni 50 scattata nell’interno del nostro cimitero,probabilmente il 25 aprile in cui si vedono due Reduci di guerra posare una corona di alloro sulle tombe dei 2 partigiani Luciano Tironi e Nava Emilio. Questo conferma che anche il partigiano Nava ha avuto il cippo uguale al Tironi.Però il cippo del Tironi oggi anno 2013 è ancora al suo posto,(anche se è mezzo distrutto), mentre il cippo del Nava e la sua salma fu esumata probabilmente all’inizio degli anni 80. (perché questa fretta?)