Mozzo/Storia: “IL LAVATOIO PUBBLICO…” la storia di Luigi Rota


lavatoio 1950 (ok)

IL LAVATOIO PUBBLICO

Nel 1934 il Comune di Mozzo (allora chiamato Curdomo) costruisce un lavatoio pubblico, situato in Piazza Trieste adiacente al cortile delle vecchie scuole (oggi in quella zona c’è l’imbocco di Via Santa Lucia al fianco della Banca). Era un manufatto in cemento armato, all’interno c’erano otto vasche con doppio piano di lavoro, in modo che su ogni vasca potevano lavare due donne (una di fronte all’altra). Le vasche erano alimentate da un enorme serbatoio (sempre in cemento) dalla capacità di cinquanta metri cubi di acqua potabile. All’interno il clima era come essere all’aria aperta, perché non c’erano pareti, ma solo pilastri di sostegno e come porte d’ingresso due cancelli. Continua a leggere