Mozzo: Bergamo scomparsa – le vicinie e la violenza politica | letto su Bergamosera


Abbiamo già raccontato in un incontro precedente come, ai primi di agosto del 1206, la città di Bergamo sia stata sconvolta da conflitti sanguinosi. I Suardi avevano sbarrato le porte della chiesa di Santa Maria Maggiore per impedire che il podestà Gerardo Visdomini vi tenesse l’arengo del popolo. Il podestà aveva chiamato in soccorso una compagnia di armati ed erano accorsi anche i vicini di San Pancrazio.

Ben presto gli scontri avevano coinvolto la città intera. La vicinia di San Pancrazio aveva provveduto a proteggersi con l’erezione di mura e battifredi e a coprire la piazza con archi, muri e graticci per ripararla dai proiettili lanciati dall’alto delle torri. Era stato dato fuoco alla torre di Gombito, nonché alle case di Gerardo da Lallio e Giovanni Valcosio, distrutta la casa di Filippino da Mozzo.

viaBergamo scomparsa: le vicinie e la violenza politica | Bergamosera, quotidiano online news e notizie dell’Italia e dal mondo.

Mozzo/Via Verdi: la segnalazione “parco a rischio bimbi….”


20130418-162520.jpg

Riceviamo segnalazione che qui pubblichiamo:

“…con queste prime giornate semi estive, i parchi diventano meta sicura dei bambini del paese. Volevo segnalare, pero’, che nel parco di Via Verdi, da tempo, c’e’ una centalina elettrica che penso attivi la illuminazione pubblica, un armadio di plastica che sta insieme con il nastro adesivo e senza una chiusura di sicurezza. Sappiamo tutti che i bambini sono molto curiosi e…”

Vuoi segnalare qualcosa? Scrivi qui un sms o mail