Mozzo – Laura: «Potevo morire Ora racconto com’è la vita» – L’Eco di Bergamo


Laura: «Potevo morire Ora racconto com'è la vita» - Cronaca - L'Eco di Bergamo - Notizie di Bergamo e provincia

«E io, cambio? O sono la stessa di prima?». È con questa domanda che lei decide, cinque anni dopo, di presentarsi con la sua tesi di laurea davanti alla commissione. Una grande emozione anche per il suo relatore, il direttore del dipartimento di Lettere e filosofia Andrea Bottani. Non c’è equilibrio nello scambio tra professori e studenti. Di solito i primi dalla cattedra danno di più. Stavolta no. Dopo l’incidente, Laura poteva non svegliarsi più, non parlare più, non ragionare, sorridere, camminare, nuotare. Oppure poteva svegliarsi ma, semplicemente, arrendersi.

«Per me lei dormiva – racconta mamma Daniela -. I medici mi dicevano signora, non sappiamo… potrebbe rimanere un vegetale… Ma io non ci ho mai creduto, conosco mia figlia, testarda da morire». E da vivere. «Un giorno è successo. C’era mio marito con lei alla Casa degli Angeli di Mozzo dov’è stata ricoverata per mesi». «Mesi – precisa Laura – in cui l’unica cosa che facevo era respirare». Un giorno muove le dita. «Mio marito era agitatissimo. Mi telefona, Laura mi ha fatto il segno delle corna, dice». Scaramanzia o no, quelle corna sono il nuovo inizio. Resta ricoverata a Mozzo fino a giugno 2008, poi in day hospital fino a settembre, da lì un altro soggiorno di tre mesi alla casa di cura «La Nostra famiglia» a Bosisio Parini, nel Lecchese. A Natale è a casa a Villongo.

Ma l’avanti e ‘ndre negli ospedali per la riabilitazione non è mai finito. Non finisce mai. Nel frattempo però Laura ricomincia la sua vita di ragazza, pian piano torna a muoversi, anche se ancora non è padrona di metà del suo corpo. Testarda com’è, per il momento le basta il resto. Il primo esame a Lettere era previsto il 17 dicembre 2007 e lei lo dà esattamente lo stesso giorno di due anni dopo. Macina esami su esami e avvia il lavoro per la tesi di laurea. «Che sarà su di me – racconta con un sorriso diverso e pieno di grazia -. Sono partita dal mio diario. Quello in cui gli psicologi che mi hanno seguito hanno suggerito di narrare me stessa. Narrare per riannodare l’ora all’allora. Lavoro al tema dell’identità, in particolare analizzando il pensiero di alcuni studiosi che hanno affrontato il prima e il dopo un grave trauma come quello capitato a me. Io ci metto del mio, confrontando la mia esperienza con il loro pensiero».

viaLaura: «Potevo morire Ora racconto com’è la vita» – Cronaca – L’Eco di Bergamo – Notizie di Bergamo e provincia.

Mozzo: GIORNATA DEL VERDE PULITO 2013 il 14 aprile 2013


Schermata 2013-04-09 alle 17.58.58La Regione Lombardia ha organizzato per domenica prossima la Giornata del verde pulito che viene proposta ormai dal lontano 1987 e alla quale anche il comune di Mozzo ha deciso di aderire: l’appuntamento è per DOMENICA 14 APRILE alle ore 9.00 nella piazza del Comune dove il Sindaco attende tutti i volontari che vorranno partecipare per dedicarsi alla ripulitura di rovi, delle sterpaglie e dall’eventuale immondizia della zona del Tombotto: questo perché oltre ad essere un area che necessita di questo tipo di manutenzione, sarà anche lo spazio dove presto verranno messi in atto progetti di riqualificazione da parte mdi alcuni giovani del paese.
Vi aspettiamo numerosi !!

Mozzo/Traffico Asse, ecco le soluzioni Due corsie per i pendolari L’Eco di Bergamo


Asse, ecco le soluzioni Due corsie per i pendolari – Cronaca – L’Eco di Bergamo – Notizie di Bergamo e provincia.

Nel tratto della «Briantea» compreso tra la Villa Mapelli e i semafori all’ingresso di Ponte San Pietro saranno poi collocati una serie di cartelli per indicare agli automobilisti quali corsie occupare: a quelli diretti a Dalmine sarà indicato di mantenersi sempre sulla destra, mentre più spostati al centro per chi dovrà proseguire verso Bergamo. A Curno, verrà invece chiusa via Buelli per evitare che venga usata come una sorta di «scociatoia» che poi finisce inevitabilmente con intasare ulteriormente la situazione.

Mozzo/Traffico Asse interurbano: da giovedì mattina si viaggia su due corsie Bergamo News


Asse interurbano: da giovedì mattina si viaggia su due corsie.

Nel frattempo l’impresa proseguirà nei lavori che “questa volta dovranno essere effettuati a regola d’arte e in modo definitivo” – come hanno sottolineato sia il presidente Pirovano che i sindaci. Per analizzare e cercare di trovare una mitigazione temporanea ai problemi creati sulla viabilità ordinaria il presidente della Provincia di Bergamo Ettore Pirovano ha voluto incontrare oggi, mercoledì 10 aprile alle ore 14 al Comune di Bonate Sopra, i sindaci di Ambivere, Bonate Sotto, Bonate Sopra, Curno, Mapello, Mozzo, Ponte San Pietro, Presezzo, Terno d’Isola, Treviolo.