MOZZO – Tecnologia, a rischio i cinema della comunità – letto su Corriere Bergamo


Molte parrocchie potrebbero non essere in grado di sostenere la spesa. Soprattutto se hanno in previsione anche lavori alla chiesa, come a Mozzo o Suisio. «I fondi vanno al cantiere – conferma Gianni Previtali, che gestisce il “Nuova Alba” di Suisio, dopo averlo frequentato da bambino mezzo secolo fa -. Molti sono nella nostra situazione, e i Consigli pastorali sono recalcitranti a spendere i pochi soldi che ci sono. Ma bisogna fare uno sforzo, se si chiude non si riapre più. Abbiamo un anno di tempo per trovare i soldi, dovremmo farcela».

Un aiuto dovrebbe venire dalla Regione, come spiega Pierluigi Mayer del «Servizio assistenza sale» di via Goisis, che oltre a gestire i cinema «Conca verde» e «Borgo» a Bergamo, fornisce i film alle strutture parrocchiali: «Si tratterebbe di un aiuto sul 70% della spesa. Un quarto di questa parte sarà finanziato a fondo perduto, il resto sarebbe un prestito a tasso agevolato, o senza interessi. Ma speriamo che lo Stato conceda anche una detrazione fiscale sul restante 30%. Perché altrimenti molti potrebbero non riuscire a farcela, e sarebbe un disastro per molti motivi. Anche perché lo spettatore cinematografico si forma lì, in quelle sale di paese. E ogni sala che chiude è una perdita per tutti».

viaTecnologia, a rischio i cinema della comunità – Corriere Bergamo.

Mozzo Cittadini di Mozzo chiamati a raccolta per ripulire il paese Bergamo News


20121016-092106.jpg

Cittadini di Mozzo chiamati a raccolta per ripulire il paese.

Ripulire il paese. È questo l’intento dell’amministrazione comunale di Mozzo che, in collaborazione con il gruppo alpini e il G.E.M. (Gruppo Escursionistico Mozzo) , chiama a raccolta i propri cittadini per un pomeriggio “diverso”, volto a sensibilizzare i cittadini alla cura e al rispetto del territorio.

L’invito è esteso a tutti : donne, bambini, adulti, anziani e chiunque voglia contribuire a rendere Mozzo un paese pulito e un esempio per altri comuni del circondario. L’iniziativa “Ripuliamo Mozzo” avrà luogo sabato 20 ottobre a partire dalle ore 14 con ritrovo in Piazza Costituzione (di fronte al comune). Il materiale per la pulizia (sacchi per l’immondizia e guanti) verrà fornito ai partecipanti direttamente sul posto.

Per evitare dispersioni, il gruppo formatosi concentrerà i suoi sforzi sul cosiddetto “Monte di Mozzo”, uno dei tre colli appartenenti al territorio comunale. Se la risposta dei mozzesi sarà adeguata, è molto probabile che il Comune riproponga attività di questo genere, non solo per aumentare l’attenzione su problematiche ambientali fino ad oggi trascurate, ma anche per favorire la socializzazione e la collaborazione tra residenti.