Mozzo/Biblioteca: mostra fotografica ” Lasciateci Parlare” dal 22 settembre


A partire da sabato 22 settembre presso la Bibliotea di Mozzo verranno esposti ritratti di ragazzi stranieri che frequentano il corso di italiano e dei volontari che insegnano presso la cooperativa Ruah di Bergamo.
Fotografie di Marianna Preda.
Ingresso libero e gratuito, la mostra potrà essere visitata durante l’orario di apertura della bibloteca.
Lun-Ven: 9.30-12.30 e 14.30-19.00
Sab: 9.30-12.30 e 14.30-18.00

Mozzo/Escursioni: Engadina il 30 settembre – G.E.M. – Gruppo Escursionistico Mozzo


30 settembre

Ferrata “La Resgia” – Piz Languard – Engadina (Svizzera)

Spettacolare escursione che permette di raggiungere una dei punti panoramici più belli di tutta l’Engadina.

La cima del Languard è una montagna panoramica di prim’ordine. La salita al Piz Languard è molto frequentata dagli escursionisti svizzeri per la facilità dell’accesso e soprattutto per il panorama assolutamente fantastico che si gode dalla cima sul gruppo del Bernina, e non solo.

Per i più ardimentosi, il primo tratto di salita potrà essere effettuato lungo “La Resgia”, singolare via ferrata pesantemente attrezzata, ma da non sottovalutare per via dell’impegno fisico richiesto, per la presenza di qualche tratto aereo e del punto chiave che si trova subito dopo il ponte tibetano: uno spigolo di una quindicina di metri, esposto e strapiombante.

CAPIGITA: Taiocchi Paola, Agazzi Carlo, Mazzoleni Basilio e Rota Roberto

viaG.E.M. – Gruppo Escursionistico Mozzo.

ia ferrata La Resgia

La via ferrata La Resgia si trova all’uscita da Pontresina, sul lato sinistro della valle, presso la cascata Languard. Il tempo di cammino fino all’accesso è di circa 15 minuti dal parcheggio Gemeindewerkhof/Seiler AG. La via porta, attraverso la parete sudovest lungo scala verticale, un ponte sospeso di 3 corde e una rete metallica, a quota 2198 m, dove s’incontra il Röntgenweg.

Descrizione

La via, dopo l’accesso, segue per alcuni metri dei lastroni facili fino alla prima parete, dove si supera una scala verticale di 3 metri. Si seguono diverse altre salite fino a una striscia erbosa, che porta a destra verso il ponte sospeso a tre corde. Sospesi nel vuoto si supera il ponte da sinistra verso destra e si sale lungo una parete leggermente sporgente verso un pino cembro particolare. Successivamente, la via porta attraverso un terreno facile e dei plateau verso una grande striscia di prato, che si segue verso destra fino alla “ragnatela”. La rete a maglie larghe può essere scalata sia dall’interno sia dall’esterno. Ora si attraversa verso destra, attraverso il plateau “nero”, raggiungendo l’ultimo tratto di roccia. Si superano delle piccole salite verticali per raggiungere l’uscita nei pressi del Röntgenweg a quota 2198 m s.l.m. Per l’arrampicata sono necessarie circa 2 ore.

Successivamente si scende direttamente a Pontresina seguendo il Röntgenweg (circa 40 minuti) oppure ci si dirige verso Alp Languard, dove si trova il ristorante e la stazione a monte della seggiovia (salita circa 15 min). Sulla terrazza del ristorante ci si gode un rinfresco meritato e la vista meravigliosa sul panorama circostante. Quindi, ci si lascia trasportare dalla seggiovia a valle, a Pontresina.

viaLa Resgia: Arrampicate e gite in alta montagna a Pontresina in Engadina.