Mozzo – Via auto e autista ai parlamentari scortati Anche al leghista Calderoli – Bergamo News


La scorta dell’ex ministro alla Semplificazione Roberto Calderoli è ormai una leggenda. Chi passa a Mozzo, sulla strada della Madonna del Bosco, non può che buttare l’occhio agli agenti che si occupano della sicurezza del parlamentare leghista. Che ci sia sole, pioggia, vento o neve, rimangono lì imperterriti in attesa che l’esponente del Carroccio lasci casa per qualche impegno. Nonostante la crisi e i continui tagli alle forze dell’ordine, rimarranno al loro posto. Non vale lo stesso per l’autista e per l’auto messa a disposizione dallo Stato, finiti nel mirino della spending review.

I tagli alle spese pubbliche operate dal governo Monti infatti non risparmiano la casta: lo Stato non metterà più a disposizione auto e autista per i settanta parlamentari sotto scorta, tra cui 20 dedicati a ex ministri e sottosegretari in carica con il governo Berlusconi.Il Viminale ha deciso di risparmiare, quindi d’ora in poi auto e autista dovranno essere messi a disposizione direttamente dall’interessato oppure dall’amministrazione di appartenenza, Camera o Senato. Il presidente della Camera Gianfranco Fini ha già messo le mani avanti dichiarando di aver a disposizione solo cinque autisti divisi tra presidenza, Copasir e Antimafia. I parlamentari, tra cui Calderoli, dovranno affidarsi ai partiti oppure direttamente al loro portafoglio.

viaVia auto e autista ai parlamentari scortati Anche al leghista Calderoli.

Mozzo/Calcio – Visita allo Juventus Stadium – 1 Luglio 2012 | Juventus Club Doc


Visita allo Juventus Stadium – 1 Luglio 2012 | Juventus Club Doc

Nella giornata del 1 Luglio 2012, lo Juventus Club Doc Curno Mozzo ha organizzato la gita allo Juventus Stadium di Torino.

Giornata splendida che ha visto la partecipazione di un gruppo di ben 50 persone!

La giornata si è svolta secondo la seguente modalità:

ore 8.00 partenza da piazza Trieste, Mozzo, con pullman gran turismo da 54 posti a sedere

arrivo a Torino intorno alle ore 10.30

ingresso allo stadio alle ore 11.00, per il tour dello Juventus Stadium

ore 12.00 ingresso allo Juventus Museum

ore 13.30 circa, antipasto, pranzo a base di risotto con funghi, agnolotti, arrosto di vitello e patate al forno presso il ristorante Delle Alpi (beh… il nome è una garanzia!)

ore 15.00 – 16.00 shopping presso lo Juventus Store presso il centro commerciale Area 12 adiacente lo stadio

ore 16.00 rientro a Mozzo, dove siamo arrivati intorno alle 0re 18.30

Ringraziamo il consiglio direttivo, nelle persone di Christian Rota e Guido Beni, per l’impegno e la professionalità con cui è stata organizzata la gita a Torino. Tutto è andato per il meglio e molti già hanno prenotato per l’anno prossimo!

Riportiamo, di seguito, un piccolo gruppo di fotografie che sono state prese in quella giornata.

Invito tutti i nostri soci del club ad inviarci del materiale fotografico raccolto durante quella giornata. Nel limite del possibile metteremo online i migliori contributi.

viaVisita allo Juventus Stadium – 1 Luglio 2012 | Juventus Club Doc.

Mozzo/Pellegrinaggio -I bergamaschi stanno rientrando: «Pellegrinaggio ricco di spunti» – Cronaca – LEco di Bergamo – Notizie di Bergamo e provincia


I bergamaschi stanno rientrando: «Pellegrinaggio ricco di spunti» – Cronaca – LEco di Bergamo – Notizie di Bergamo e provincia.

Il vescovo Francesco Beschi è soddisfatto in maniera profonda per il pellegrinaggio nella terra polacca, per i giorni trascorsi nei luoghi di Papa Giovanni Paolo II, di santa Faustina Kowalska, della Madonna Nera nel santuario di Jasna Gora a Czestochowa.

Concluso sabato sera, il pellegrinaggio ha tuttavia un proseguimento per le persone che fanno ritorno in autobus: circa duecento viaggiatori, tra gli altri il vescovo Francesco, che nella giornata di domenica hanno raggiunto a Velehrad in Moravia (Repubblica Ceca) la basilica dei santi Cirillo e Metodio, protettori dell’Europa insieme a san Benedetto. Per questi pellegrini il viaggio si conclude a Bergamo questa sera.

È stato il pellegrinaggio nella terra dove suor Faustina Kowalska ha promosso la devozione a Gesù misericordioso. A pochi chilometri di distanza, due anni dopo la morte di suor Faustina, i nazisti organizzarono il campo di sterminio di Auschwitz.

«È stato un pellegrinaggio ricco di spunti, di momenti forti di riflessione, di contemplazione, di preghiera. Anche perché questa è una terra ricca di contrasti che la ragione dell’uomo fatica a spiegare, che ci porta a dire che la vita e la fede sono realtà di una portata, di una profondità enormi che non si possono ricondurre a categorie semplici se non rischiando una banalizzazione. Io penso che certe realtà, certi accadimenti ci facciano considerare la complessità della vita umana. E ci debbano fare pensare come la libertà e la pace non siano qualche cosa di scontato, mai, ma che siano una conquista di ogni giorno».

Mozzo – I pellegrini a Jasna Gora in visita al colle della fede – Cronaca – L’Eco di Bergamo – Notizie di Bergamo e provincia


20120715-091229.jpg

I pellegrini a Jasna Gora in visita al colle della fede – Cronaca – L'Eco di Bergamo – Notizie di Bergamo e provincia.

La giornata dei pellegrini bergamaschi in Polonia è cominciata nella mattinata di sabato 14 luglio all’alba: alle 5,30 un bel gruppo di loro era presente all’apertura dell’icona che raffigura la Madonna Nera, nel santuario di Jasna Gora a Czestochowa.

Una cerimonia breve, intensa, con i monaci che suonano gli ottoni e i timpani nel santuario barocco mentre la piccola serranda di argento che ogni sera cala davanti al viso di Maria e del Bambino si alza. È stata una giornata intensa di preghiera, di visita al santuario che segna l’identità cattolica della Polonia, con la Messa celebrata dal vescovo Francesco Beschi alle due del pomeriggio e poi la catechesi e infine la cerimonia dell’«appello», in serata.

È stata la sera conclusiva del pellegrinaggio, ora il ritorno a casa, la vera meta, il luogo dove portare la nostra conversione, come ripete il vescovo. Una parte dei pellegrini torna a casa domenica in aereo: per ragioni tecniche il volo è stato anticipato: anziché alle 6, la sveglia suonerà alle 3. Per gli altri lungo viaggio in autobus con pernottamento a Vienna.

La testimonianza di Don Giulio Albani sulla versione cartacea del giornale in edicola oggi.

Mozzo: ad ogni nuovo nato il Comune regala un libro. Presentazione: Nati Per Leggere


Presentazione: Nati Per Leggere

Ogni bambino ha diritto ad essere protetto non solo dalla malattia e dalla violenza ma anche dalla mancanza di adeguate occasioni di sviluppo affettivo e cognitivo. Questo è il cuore di Nati per Leggere. Dal 1999, il progetto ha l’obiettivo di promuovere la lettura ad alta voce ai bambini di età compresa tra i 6 mesi e i 6 anni. Recenti ricerche scientifiche dimostrano come il leggere ad alta voce, con una certa continuità, ai bambini in età prescolare abbia una positiva influenza sia dal punto di vista relazionale (è una opportunità di relazione tra bambino e genitori), che cognitivo (si sviluppano meglio e più precocemente la comprensione del linguaggio e la capacità di lettura). Inoltre si consolida nel bambino l’abitudine a leggere che si protrae nelle età successive grazie all’approccio precoce legato alla relazione.

viaPresentazione: Nati Per Leggere.

Mozzo/Politica – Incrocio a rischio: perché non chiuderlo negli orari scolastici? « Letto su Mozzo Nazione UDC MOZZO


Incrocio a rischio: perché non chiuderlo negli orari scolastici? « UDC MOZZO

L’incrocio via Piatti-Via Orobie e’ spesso alla ribalta per incidenti, di recente anche gravi, e necessita un ripensamento della viabilità nel centro del paese. Un aperto confronto, a tesi, sulla opportunita’ già da noi espressa di chiudere la zona negli orari di punta, soprattutto scolastici, si impone. A quando? Siamo consapevoli, e non solo noi che un nuovo incidente non debba essere motivo di decisioni affrettate. Il tutto all’ interno di giusta sperimentazione che non può non tenere conto della viabilità in accordo con tutti i paesi della Porta Ovest: Ponte, Curno e Valbrembo. Nuovo metodo per uscire da’isolamento imposto dalla Lega negli ultimi 20 anni. Ripartire ma condividendo le idee con il paese, prima. Non con i soliti noti come da sempre fatto.

viaIncrocio a rischio: perché non chiuderlo negli orari scolastici? « UDC MOZZO.

Mozzo/Asili – CONTRIBUTI PER RIDUZIONE RETTA PAGATA c/o ASILI NIDO,MICRONIDI, NIDI IN FAMIGLIA PRIVATI ACCREDITATI – ::: Rete Civica del Comune di Mozzo :::


CONTRIBUTI PER RIDUZIONE RETTA PAGATA c/o ASILI NIDO,MICRONIDI, NIDI IN FAMIGLIA PRIVATI ACCREDITATI - ::: Rete Civica del Comune di Mozzo :::

Per l’anno scolastico 2012-2013 sarà possibile, per le famiglie che possiedono i requisiti definiti dall’Ambito Territoriale di Dalmine, richiedere una riduzione della retta pagata presso le strutture private accreditate quali asili nido, micronidi, nidi in famiglia.

 

BANDO PUBBLICO PER LA RIDUZIONE DELLA RETTA PAGATA DALLE FAMIGLIE PRESSO ASILI NIDI PRIVATI

MEDIANTE ACQUISTO DI POSTI DA PARTE DELL’AMBITO TERRITORIALE DI DALMINE

 

L’Ufficio Comune dell’Ambito Territoriale di Dalmine informa che per l’anno scolastico 2012-2013 sarà possibile richiedere una riduzione della retta pagata presso asili nido privati, mediante l’acquisto da parte dell’Ambito Territoriale dei relativi posti presso unità d’offerta private accreditate.

I destinatari del beneficio economico sono:

–       nuclei famigliari con bambino/a 3-36 mesi in lista d’attesa presso asili nidi pubblici;

–       nuclei famigliari con bambino/a 3-36 mesi inseriti o in lista d’attesa presso asili nido, micro-nido e nido famiglia privati;

–       nuclei famigliari con bambino/a 3-36 mesi che desiderano inserire il proprio figlio presso un asilo nido, micro-nido o nido famiglia;

–       residenza anagrafica del minore in un Comune dell’Ambito Territoriale di Dalmine;

–       reddito ISEE familiare non superiore a € 28.000,00 (comprese indennità varie).

Il riconoscimento economico è determinato in relazione all’ISEE della famiglia richiedente fino ad un valore massimo di € 300/mese.

Il beneficio economico riconosciuto alle famiglie è limitato unicamente alle unità d’offerta private accreditate dell’Ambito Territoriale (vedi Bando).

Il modulo per presentare la richiesta di riduzione della retta è disponibile presso l’Ufficio Servizi Sociali del comune di Mozzo, negli orari di apertura al pubblico (da lunedì a venerdì dalle 9.00 alle 12.30).

La richiesta e i relativi allegati vanno compilati e restituiti all’Ufficio Servizi Sociali del Comune di Mozzo dal 06 luglio 2012 al 10 settembre 2012.

Per ulteriori informazioni contattare l’Ufficio Servizi Sociali al n.035/4556670.

 

viaCONTRIBUTI PER RIDUZIONE RETTA PAGATA c/o ASILI NIDO,MICRONIDI, NIDI IN FAMIGLIA PRIVATI ACCREDITATI – ::: Rete Civica del Comune di Mozzo :::.

Mozzo/Politica Dal blog Moderati per mozzo : ” LA PRIMA GRANDE BUGIA DEL NEO SINDACO PELLICCIOLI” – Moderati per Mozzo


NESSUNA RIDUZIONE DI STIPENDIO: I SOLDI LI VUOLE TUTTI !

La nuova e innovativa giunta di centrosinistra capitanata dal giovane Sindaco Paolo Pelliccioli è caduta già sulla prima delibera di un certo rilievo nel più classico e vecchio errore dei politicanti di mestiere: cioè dire una cosa e poi , una volta eletti, farne un’altra.

Durante la serata in cui i tre candidati sindaci si sono confrontati sui programmi elettorali, il candidato Pelliccioli incalzato dalla dichiarazione più volte reiterata da parte del candidato Bonalumi circa la volontà propria e di tutto il gruppo dei Moderati per Mozzo di ridurre drasticamente lo stipendio di Sindaco e Assessori, non perse occasione di mettersi in bella mostra dichiarando che anche lui era d’accordo ad operare una riduzione dei costi della politica nel nostro paese intervenendo sulle indennità di sindaco e assessori.

Continua a leggere

MOZZO – Borghi & Burattini nel weekend alla Malpensata e a Mozzo – Cultura e Spettacoli – L’Eco di Bergamo – Notizie di Bergamo e provincia


Borghi & Burattini nel weekend alla Malpensata e a Mozzo - Cultura e Spettacoli - L'Eco di Bergamo - Notizie di Bergamo e provincia

Domenica 15 luglio alle ore 16,30, al parco comunale di Mozzo, sarà la volta di Pablo Palacios in «La mucca Gelsomina». Realizzato con burattini e pupazzi, lo spettacolo è adatto a un pubblico di bimbi e famiglie e porta in scena il compleanno della mucca Gelsomina: lei si aspetta che tutti i suoi amici le facciano gli auguri, eppure nessuno pare ricordarsene, mostrandosi stranamente indaffarato.

È tutto uno scherzo, naturalmente, ma riesce così bene che la mucca Gelsomina ne risulta molto delusa! Ma i suoi amici sapranno farsi perdonare organizzando la più grandiosa e memorabile festa della loro vita! Lo spettacolo è organizzato in collaborazione con la biblioteca e il Comune di Mozzo. L’ingresso ad entrambi gli spettacoli è libero. Per informazioni tel. 035.401924, e-mail info@fondazioneravasio.it, http://www.fondazioneravasio.it .

viaBorghi & Burattini nel weekend alla Malpensata e a Mozzo – Cultura e Spettacoli – L’Eco di Bergamo – Notizie di Bergamo e provincia.