Mozzo – Via auto e autista ai parlamentari scortati Anche al leghista Calderoli – Bergamo News


La scorta dell’ex ministro alla Semplificazione Roberto Calderoli è ormai una leggenda. Chi passa a Mozzo, sulla strada della Madonna del Bosco, non può che buttare l’occhio agli agenti che si occupano della sicurezza del parlamentare leghista. Che ci sia sole, pioggia, vento o neve, rimangono lì imperterriti in attesa che l’esponente del Carroccio lasci casa per qualche impegno. Nonostante la crisi e i continui tagli alle forze dell’ordine, rimarranno al loro posto. Non vale lo stesso per l’autista e per l’auto messa a disposizione dallo Stato, finiti nel mirino della spending review.

I tagli alle spese pubbliche operate dal governo Monti infatti non risparmiano la casta: lo Stato non metterà più a disposizione auto e autista per i settanta parlamentari sotto scorta, tra cui 20 dedicati a ex ministri e sottosegretari in carica con il governo Berlusconi.Il Viminale ha deciso di risparmiare, quindi d’ora in poi auto e autista dovranno essere messi a disposizione direttamente dall’interessato oppure dall’amministrazione di appartenenza, Camera o Senato. Il presidente della Camera Gianfranco Fini ha già messo le mani avanti dichiarando di aver a disposizione solo cinque autisti divisi tra presidenza, Copasir e Antimafia. I parlamentari, tra cui Calderoli, dovranno affidarsi ai partiti oppure direttamente al loro portafoglio.

viaVia auto e autista ai parlamentari scortati Anche al leghista Calderoli.