Mozzo/Bersaglieri: dopo il Papa, anche Don Giosy Cento ha indossato la vaira. « letto su blog del Bersagliere Mozzo


Fuori programma martedì sera durante la S.Messa di apertura degli esercizi spirituali: alla presentazione dei gruppi del paese, come di consueto erano stati invitati anche i Bersaglieri. Ogni gruppo portava sull’altare un oggetto simbolo del proprio gruppo. Noi bersaglieri cosa potevamo portare? La Vaira, il nostro copricapo piumato. Il nostro Bersagliere, reduce di Somalia, Luca Cavalli era incaricato dal direttivo di  portare sull’altare la vaira. A ricevere gli oggetti c’era Don Giosy Cento che appena ha visto le piume ha esclamato : “ho sempre avuto il desiderio di indossare il cappello dei Bersaglieri ma non ne ho mai avuto l’occasione. Questa e’ la volta buona.”  E si messo il cappello piumato. Un motivo di orgoglio per i bersaglieri di Mozzo. Dopo il Papa anche don Giosy Cento ha messo la vaira. A Mozzo.

viaBersaglieri: dopo il Papa, anche Don Giosy Cento ha indossato la vaira. « blog del Bersagliere.

Mozzo/Acli: 26° Congresso provinciale ACLI Bergamo- letto su Acli Mozzo


20120301-095338.jpg

26° Congresso provinciale ACLI Bergamo.

 

Il congresso si è concluso con la votazione per l’elezione dei consiglieri provinciali, dei delegati regionali e nazionali. Complimenti a Michele Farina e Giovanni Facchinetti che sono stati eletti fra i 45 membri del consiglio provinciale! Inoltre entrambi sono stati eletti come delegati al consiglio regionale; Michele Farina risulta delegato anche al consiglio nazionale. In allegato: elenco eletti ACLI – 26° congresso provinciale

Mozzo/Calcio: Amici Mozzo – Mozzo, divisi sul calcio Amici: «Noi penalizzati» – L’Eco di Bergamo – 1 marzo 2012 « letto su blog AMICI MOZZO 2008 Football Club


Amici Mozzo – Mozzo, divisi sul calcio Amici: «Noi penalizzati» – L’Eco di Bergamo – 1 marzo 2012 « AMICI MOZZO 2008 Football Club

Una strana triangolazione al centro della realtà sportiva di Mozzo, ma che con le tattiche calcistiche – almeno in senso stretto – ha ben poco a che vedere.

Al centro della querelle l’associazione Amici di Mozzo 2008 (società di calcio locale), l’Unione sportiva e l’assessorato allo Sport di Fabrizio Carminati (Pdl). «Tutto è iniziato quando noi dell’associazione Amici Mozzo ci siamo rivolti all’Unione sportiva, chiedendo un’affiliazione con lo scopo di poter integrare il nostro servizio con quello delle altre discipline sportive del paese – spiega il dirigente Paolo Marini – ma questo ci è stato negato». Amici di Mozzo conta 72 iscritti e tre squadre di calcio: una in seconda categoria Fgci, una di Csi e una di calcio femminile. «La controproposta…..

viaAmici Mozzo – Mozzo, divisi sul calcio Amici: «Noi penalizzati» – L’Eco di Bergamo – 1 marzo 2012 « AMICI MOZZO 2008 Football Club.

Mozzo – Premio al migliore imballaggio Anche la Sanpellegrino tra i finalisti Martedì 28 Febbraio 2012ECONOMIA,pagina 13


La Heinz Italia Spa è finalista per un vasetto in plastica termoformato utilizzato per i prodotti a marchio Plasmon. L’imballaggio è confezionato in asettico e fra i sei produttori coinvolti c’è anche la Icis di Mozzo per l’involucro esterno di cartoncino…

prosegue sulla versione cartacea del giornale

20120301-091223.jpg

(MozzoNews: nella immagine il sito della Icis di Mozzo)

Mozzo/Basket: Bergamo, un titolo da difendere nell’edizione 2012 del «Bulgheroni» Giovedì 01 Marzo 2012SPORT,pagina 61


Sta procedendo a tappe serrate il processo di selezione e allestimento della Rappresentativa Bergamasca che prenderà parte, a Bormio in giugno, all’edizione 2012 del Trofeo Bulgheroni, riservato alle selezioni maschili dell’annata 1999 delle province lombarde, e dovrà difendere il titolo conquistato l’anno scorso dall’annata 1998. La guida tecnica è stata affidata per il quinto anno consecutivo a Fabrizio Longano (Mozzo),…

prosegue sulla versione cartacea del giornale in edicola

20120301-091303.jpg

Mozzo/Spaccio: Tanti i progetti per ripulire l’Isolotto ma finora son rimasti tutti lettera morta Giovedì 01 Marzo 2012PROVINCIA,pagina 36


«Sono numerosi gli interventi che facciamo con le forze dell’ordine, anche con risultati lusinghieri. Certo non scopriamo l’acqua calda se diciamo che quest’area deve essere riqualificata, lo sanno anche i nostri amministratori che si sono mossi verso questo obiettivo. Purtroppo però il fenomeno della microcriminalità persiste, seppur ridotto, anche alla luce dell’arrivo di alcuni tunisini, provenienti da Mozzo, che operano con i marocchini».

prosegue sulla versione cartacea del giornale

20120301-091319.jpg

(MozzoNews: nella foto di archivio, il tombotto a Mozzo che viene spesso usato per il trasferimento verso Ponte San Pietro)