Mozzo: correva l’anno 2005 – «Incidente internazionale». Si scontrano tedesco, italiano, ghanese e senegalese (Una mezza guerra mondiale sulle strade, ma non è una barzelletta).


Potremmo definirlo un incidente internazionale quello accaduto a Mozzo nei pressi del ristorante Cinese. Protagonisti: un senegalese di 30 anni in sella a un ciclomotore, un tedesco di 39 anni in sella a una moto Bmw, un bergamasco di Terno d’Isola di 22 anni al volante di una Ford Fiesta e un ghanese di 36 anni al volante di una Bmw.

L’incidente Ë accaduto lungo la Briantea verso l’1 della notte tra sabato 7 e domenica 8 maggio. Secondo una prima ricostruzione il senegalese, il bergamasco e il tedesco viaggiavano nella medesima direzione, mentre il ghanese procedeva in senso contrario.

Per cause in corso di accertamento i quattro veicoli si sono scontrati. Ad avere la peggio i due conducenti in sella al ciclomotore e alla moto: il tedesco e il senegalese. Entrambi sono stati ricoverati all’ospedale. Il senegalese ha avuto una prognosi di 40 giorni. Sul posto dell’incidente si Ë recata una pattuglia della Polizia Stradale di Bergamo che si Ë trovata di fronte una babele di lingue per ricostruire l’incidente.

viaMozzo «Incidente internazionale». Si scontrano tedesco, italiano, ghanese e senegalese (Una mezza guerra mondiale sulle strade, ma non è una barzelletta)..

Mozzo/Storia: L’emigrazione a Mozzo | ARCHIVI AREA DALMINE


L’emigrazione italiana dopo l’Unità.

1.         Il contesto generale.

L’emigrazione europea fra ‘800 e ‘900

Tra il 1820 e il 1914 quasi 60 milioni di Europei lasciarono i luoghi dove erano nati e si trasferirono in altri Stati, spesso oltreoceano. Le cause fondamentali che provocarono questo gigantesco movimento di uomini furono la miseria, la ricerca di una sistemazione migliore e di un lavoro meglio pagato.

L’enorme movimento migratorio, che forse fu il più grande di tutti i tempi, fu una conseguenza dello sviluppo generale dell’economia capitalistica in America e in Europa. L’emigrazione, infatti, fu fortemente stimolata da un lato dall’industrializzazione accelerata degli Stati Uniti e dalla colonizzazione di vastissime terre vergini degli Stati Uniti stessi, in Canada, i Argentina e in Brasile, e dall’altro dall’eccedenza  di manodopera determinata nei vari paesi d’Europa dalla rivoluzione demografica e dall’entrata dei paesi stessi nell’area economica del capitalismo.

Si possono distinguere due direzioni dell’emigrazione verso l’estero:

–         Da una nazione all’altra, ma in Europa: partirono in prevalenza Italiani, Polacchi, Russi, Belgi, Irlandesi verso Inghilterra, Germania, Austria, Francia e Svizzera. Si calcola che questo spostamento abbia interessato circa 10 milioni di persone

–         Da un continente a un altro: gli emigranti lasciarono l’Europa per trasferirsi in America (soprattutto negli Stati uniti, Canada, Argentina, Brasile) e in Australia. Questa è stata l’emigrazione più forte che ha toccato quasi 48 milioni di individui.

viaL’emigrazione a Mozzo | ARCHIVI AREA DALMINE.